Abreu, l'uomo con la valigia: 23 club in 22 anni di carriera

Messo sotto contratto dal Bangu, il 40enne uruguaiano è il calciatore con più trasferimenti di sempre.

Fonte: Getty Images

La storia di Washington Sebastian Abreu Gallo, noto semplicemente come Abreu, è da guinness dei primati. L’uruguaiano, classe 1976, è stato appena messo sotto contratto dal club brasiliano del Bangu. Niente di anomalo se non fosse, per El Elegido, il 28esimo trasferimento della sua lunga carriera.

Come riporta il Daily Mail, in 22 anni di carriera, l’uruguaiano Abreu è giunto all’incredibile quota di 23 maglie di club diverse indossate (tra cui spiccano team di primissimo livello come San Lorenzo, Deportivo La Coruna, Gremio, River Plate, Real Sociedad, Aris Salonicco e Botafogo). Il tutto, arrivando a giocare in ben nove Paesi differenti. Il vincitore della Copa America 2011 ha, infatti, giocato in Uruguay, Argentina, Messico, Spagna, El Salvador, Brasile, Paraguay, Israele e Grecia

Nazionale uruguaiano (70 presenze, collezionate tra il 1996 e il 2012), ha avuto la possibilità di partecipare a ben due edizioni dei Mondiali (2002 e 2010). Un’altra curiosità: Abreu è riuscito a segnare, nel corso della sua vita da “nomade del calcio”, in 20 derby.

Ad oggi è il massimo goleador nella storia del calcio uruguaiano. Ne ha messi a segno ben 368 (63, il suo massimo, con la casacca del Botafogo). Ora è pronto ad aggiornare il suo record con la casacca del Bangu nel campionato Carioca 2017.

Numeri imperiali che riportano alla mente il record italiano di Nicola Amoruso. L’ex bomber, classe 1974, è il giocatore che ha militato in più squadre della massima serie italiana: ben 13.

Amoruso, soprannominato Nick Piede Caldo, ha giocato, infatti, per Sampdoria, Padova, Juventus, Perugia, Napoli, Como, Modena, Messina, Reggina, Torino, Siena, Parma e Atalanta, riuscendo a segnare, in 380 partite nella massima serie, la bellezza di 113 reti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti