Addio sergente maggiore Hartman, è mancato Ronald Lee Ermey

Il mondo del cinema piange la morte di Ronald Lee Ermey, l'indimenticabile sergente maggiore Hartman di "Full Metal Jacket"

Il mondo del cinema dice addio a Ronald Lee Ermey, l’indimenticabile sergente maggiore Hartman di “Full Metal Jacket”. Ad annunciarlo è stato il suo manager, Bill Rogin, che ha pubblicato un messaggio su Twitter.

“È con enorme dispiacere che mi duole informarvi che R. Lee Ermey (‘The Gunny’) è morto questa mattina  – ha scritto – a causa di alcune complicazioni dovute a una polmonite. Mancherà moltissimo a tutti noi”.

L’attore, che aveva 74 anni, aveva alle spalle una lunga carriera nel mondo del cinema, in cui aveva spesso interpretato i ruoli di figure autoritarie. Tutto era iniziato negli anni Settanta quando era stato scelto da Francis Ford Coppola per interpretare un elicotterista in “Apocalypse Now”.

All’epoca Ermey aveva lasciato da poco i Marines ed era stato scritturato anche come consulente tecnico per la pellicola. Dal 1961 al 1972 era stato istruttore e sergente della Marina e d’artiglieria. Nel 1968 era stato inviato a Okinawa, in Giappone, mentre nel 14 mesi successivi aveva combattuto in Vietnam, sino a quando non era rimasto ferito.

Ritornato negli Stati Uniti aveva iniziato a recitare in alcuni spot televisivi. Il ruolo che cambiò per sempre la sua vita però fu quello del Sergente maggiore Hartman nel capolavoro di Stanley Kubrick.

Era il 1987 e il film fu un grande successo, rendendo Ronald Lee Ermey immortale, grazie al personaggio di Hartman. In seguito l’attore svelò di essersi inventato lui le battute nella celebre scena del dormitorio in cui si rivolge alle reclute dei Marines.

Grazie a quel personaggio ottenne una nomination come Miglior attore non protagonista ai Golden Globe. In seguito recitò in “Mississippi Burning – Le Radici dell’Odio” nei panni del sindaco Tilman.

Nel 1995 venne scelto per interpretare il capitano di polizia nel thriller “Seven”. Fu anche il capo ufficio Frank Martin nella pellicola “Willard il paranoico” e  presto la voce al Sergente nella saga di “Toy Story”. Sempre in ruoli autoritari comparve in “Miami Vice” e “Una pallottola spuntata 33⅓”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti