"Aiutate i terremotati": la truffa su Whatsapp

Su Whatsapp e sui social circolano numerose truffe che coinvolgono gli aiuti ai terremotati. Ecco come riconoscerle e non farsi ingannare

Fonte: Pixabay

Da qualche settimana su WhatsApp circola una truffa che sfrutta il dolore e la situazione di bisogno dei terremotati. Tutto grazie ad un messaggio ormai divenuto virale e passato da uno smartphone all’altro con grande velocità in cui si chiede di acquistare dei prodotti realizzate nelle zone terremotate, inviando soldi ad alcune aziende agricole. In realtà dietro questo messaggio si celano dei malfattori, pronti a rubare i soldi a chi invece vuole solo fare del bene e aiutare gli altri.

La polizia postale ha già segnalato più volte truffe di questo tipo non solo su WhatsApp, ma anche sui social, in particolare Facebook. Per aiutare davvero le popolazioni colpite dal terremoto è importante acquistare i prodotti di questo territorio. L’importante è seguire i consigli dati dalla Polizia Postale al riguardo. “Raccomandiamo a tutti coloro che fossero interessati ad acquisti online di rispettare quelle che sono le regole di base per un acquisto sicuro, più volte richiamate – si legge sul loro sito -. Alcuni consigli. Prezzo: paragonatelo ad altri annunci se vi sembra troppo conveniente, potrebbe essere un annuncio fasullo. Foto: se vi appaiono troppo belle per essere vere, cercate l’immagine su Google Immagini (trascinate o copiate e incollate l’immagine) e capirete se sono vere o sono state copiate/incollate da altri siti, descrizione: se è troppo breve e fornisce poche informazioni, non esitate a chiederne altre all’inserzionista; chiedete informazioni all’inserzionista: un numero di telefono cercate il venditore su Google Maps o altra mappa: potrete vedere se esiste realmente”.

La Polizia Postale poi continua consigliando: “Non effettuate pagamenti su carte ricaricabili o con servizi di trasferimento di denaro. Suggeriamo sempre metodi tracciabili: IBAN su conto italiano (inizia per IT…), PayPal e Hype di Banca Sella; infine, anche se può sembrare banale, ricordate sempre che il primo passo per acquistare in sicurezza è avere sempre un buon antivirus aggiornato all’ultima versione sul proprio dispositivo informatico – infine- . Gli ultimi sistemi antivirus (gratuiti o a pagamento) danno protezione anche nella scelta degli acquisti online. Per una maggiore sicurezza online, inoltre, è necessario aggiornare all’ultima versione disponibile il browser utilizzato per navigare, perché ogni giorno nuove minacce possono renderlo vulnerabile”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti