Amadeus o Alessandro Greco sostituiranno Conti a "L’Eredità"

Dopo la morte di Frizzi, Carlo Conti ha preso il suo posto a “L’Eredità”. Sembra però che voglia lasciare: chi lo sostituirà?

La morte di Fabrizio Frizzi è stata improvvisa, ma, per alcuni, non inaspettata. Già a novembre, Carlo Conti aveva sostituito Frizzi dopo l’ischemia che lo aveva colpito durante la registrazione di una puntata del gioco. Per questo la Rai ha richiamato Conti per prendere il posto, questa volta a tempo indeterminato, del presentatore amato da tutti e suo amico.

In un comunicato la Rai aveva spiegato: “Un rientro stavolta forzato per Conti ma anche una staffetta naturale con Fabrizio (“professore e supplente”, come amavano scherzare tra loro) e di nuovo un passaggio (ideale, purtroppo) di quelle chiavi dello studio per regalare ai telespettatori ancora dei momenti di serenità e sorrisi”.

È notizia fresca però quella che vuole Carlo Conti in procinto di lasciare nuovamente la conduzione de “L’Eredità”. Secondo alcune indiscrezioni, nella sede Rai si sta già pensando a due possibili sostituti. Il primo candidato in lizza è Amadeus, attualmente conduttore di “Stasera tutto è possibile” in prima serata su Rai 2 e che “L’Eredità” ha già visto alla conduzione dal 2002 al 2006.
Accanto ad Amadeus c’è un altro candidato ed è Alessandro Greco, attualmente conduttore del quiz “Zero e Lode” in onda su Rai Uno nel pomeriggio.

La notizia delle dimissioni di Carlo Conti dal gioco serale di Rai Uno non è comunque confermata e si è quindi ancora più incerti sul possibile sostituto del conduttore toscano.

Carlo Conti ha mostrato spesso nelle ultime settimane quanto i due presentatori fossero legati da una profonda amicizia. Ai funerali era in prima fila a rendere omaggio a Frizzi e all’inizio della prima puntata che l’ha visto tornare a “L’Eredità” ha parlato in modo toccante: “eccomi qua, in questo studio, queste sono le chiavi, tante volte ce le siamo scambiate con Fabrizio. Era un gioco: io il pilota, lui il copilota, il professore di ruolo, il supplente. Ritornano a me in maniera forzata. Oggi, credetemi, vorrei essere in qualsiasi parte del mondo escluso che in questo studio. Però ci sono.“ Parole che lasciano intendere il dolore di Conti per la perdita dell’amico e presentatore e il valore che il ritorno alla conduzione ha per lui.

Come dice lo stesso Conti “però ci sono”, rimane da capire quanto sceglierà di rimanere.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti