Anis Amri, il killer di Berlino ucciso dalla polizia italiana

Si indaga sui possibili contatti a Sesto San Giovanni

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Milano, 23 dic. (askanews) – Anis Amri, il killer di Berlino, è stato ucciso nella notte in un conflitto a fuoco con la polizia italiana alle porte di Milano.
Lo scontro è avvenuto 15 minuti dopo le 3 di notte, durante un normale controllo della polizia a Sesto San Giovanni. L’uomo è stato identificato grazie alle impronte digitali e sulla base dei tratti somatici.

Dai primi accertamenti è emerso che Amri è arrivato in Italia dalla Francia, passando da Chambery, in Alta Savoia, e da lì ha raggiunto Torino. Dopodichè ha preso un treno per Milano ed è arrivato in Stazione Centrale intorno all’1.15 di questa notte. Da lì ha poi raggiunto Sesto San Giovanni, paese alle porte del capoluogo lombardo, non è chiaro se a piedi e con altri mezzi.

Quando gli agenti della volante, Cristian Movio e Luca Scatà: gli hanno chiesto i documenti l’uomo ha estratto dallo zainetto uno pistola calibro 22. I poliziotti hanno reagito e colpito mortalmente l’uomo. L’agente Movio è stato ferito alla spalla ed è stato ricoverato in codice giallo all’ospedale San Gerardo di Monza.

Gli inquirenti dell’antiterrorismo della Digos di Milano da questa mattina stanno conducendo una serie di verifiche investigative sulle ultime ore di vita del tunisino e sui suoi ultimi spostamenti.

Perchè raggiungere con tanta fretta Sesto San Giovanni, anziché trascorrere la notte in uno dei tanti alberghi o pensioni che si trovano nelle immediate vicinanze della stazione di Milano? Doveva incontrare qualcuno? Poteva contare su contatti, appoggi o coperture da parte di complici? Se lo chiedono gli inquirenti milanesi. A Sesto San Giovanni risiede una nutrita comunità islamica. Il sospetto è che qualcuno avrebbe potuto nasconderlo per poi magari aiutarlo a espatriare in un secondo momento, una volta calmate le acque. Tutte ipotesi che, per il momento, non trovano ancora riscontri investigativi e che dovranno essere minuziosamente verificate nelle prossime ore.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti