Ankara, spari davanti l'amabasciata Usa. Ieri ucciso l'ambasciatore russo

Otto o nove colpi in aria, l'uomo è stato arrestato

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 20 dic. (askanews) – Un uomo armato è stato arrestato davanti alla sede dell’ambasciata americana ad Ankara, in Turchia, dopo avere sparato otto o nove colpi in aria. Lo riporta l’agenzia di stampa turca Anadolu, spiegando che l’uomo era in possesso di un fucile. La sede diplomatica statunitense è stata chiusa.

Le autorità locali hanno identificato il sospetto come Sahin S.: l’uomo è stato bloccato dalla polizia che sta indagando sull’episodio che arriva a poche ore di distanza dall’assassinio dell’ambasciatore russo Andrey Karlov.

Un uomo ha aperto il fuoco questa notte davanti all’ingresso dell’ambasciata americana ad ankara sena fare vittime, ha annunciato la cancelleria statunitense spiegando che tutte le rappresentanze diplomatiche degli Stati uniti in Turchia resteranno chiuse per precauzione nella giornata odierna. L’uomo ha aperto il fuoco all’1:50, ora italiana, davanti all’ingresso principale dell’ambasciata Usa, è stato aggiunto in un comunicato.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti