Lo usavano come tavolino da caffè, ma era un inestimabile mosaico

A New York è stato ritrovato un reperto dal valore inestimabile: un mosaico dei tempi di Caligola utilizzato come semplice tavolino da caffè!

6 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Getty Images

Un tesoro proveniente dall’antica Roma, un reperto dal valore inestimabile, è stato per anni utilizzato a New York come semplice tavolino da caffè. È successo ad un mosaico commissionato dall’Imperatore Caligola, che era scomparso dal Museo delle Navi Romane di Nemi durante le fasi finali della Seconda Guerra Mondiale.

Andiamo con ordine. A rinvenire il reperto è stato l’architetto Dario Del Bufalo, un esperto di mosaici antichi che ha raccontato di aver trovato il mosaico in una maniera piuttosto curiosa. Descritto in un suo libro del 2013, durante una sessione di firma delle copie a New York, lo studioso riuscì a sentire due persone che ne parlavano. E, in particolare, un uomo disse ad una donna accanto a lui: “Oh, Helen, guarda, questo è il tuo mosaico!”

La donna in questione, Helen Fioratti, è una gallerista e commerciante d’arte che teneva quel mosaico nel suo appartamento di Manhattan, dove l’aveva trasformato in un tavolino da caffè. Secondo il suo racconto, la Fioratti e il marito lo avevano acquistato in Italia negli anni ‘60, da una famiglia nobile.

La storia del mosaico romano è in realtà piuttosto complicata. Esso faceva parte del pavimento di una delle “navi di piacere” di Caligola, affondate nel lago di Nemi dopo l’assassinio dell’imperatore. Recuperato insieme ad altri reperti negli anni ‘30, il mosaico fu esposto nel Museo delle Navi Romane di Nemi, vicino al lago. Tuttavia, nel 1944, il museo fu bruciato dai nazisti in fuga dall’Italia insieme ai resti delle navi. È quindi un mistero come abbia fatto a scampare a quel disastro e a giungere così, praticamente intatto, fino ai giorni nostri.

Quel che è certo è che la signora Fioratti non potrà più goderne come tavolino da caffè: il reperto è stato restituito al Museo Nazionale Romano, dove si spera che potrà essere custodito per sempre.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti