Un uomo ha adottato un'aragosta salvandola da un ristorante

Un uomo ha deciso di adottare un animale domestico alquanto inusuale: un'aragosta. Ecco la sua fantastica storia

28 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123RF

Un’aragosta come animale domestico: no, non è la celebre puntata dei SimpsonLisa 10 e lode’ (stagione 10, episodio 7), nella quale Homer compra un cucciolo di aragosta con lo scopo di crescerla e mangiarla quando sarà sufficientemente grande per poi affezionarsi a lei e darle il nome di ‘Pizzicottina’. La storia che stiamo per raccontarvi è accaduta davvero ed è anche stata largamente documentata su YouTube.

Ad adottare un’aragosta e a darle il nome di ‘Leon’ è stato lo youtuber Brady Brandwood, che ha allestito per il crostaceo un grosso acquario di casa ad acqua salata, girando addirittura un mini-documentario sull’intera esperienza, basata per lo più sul metodo migliore per rendere l’animale il più felice possibile (e per mantenerlo in salute).

L’uomo ha adottato l’aragosta ‘salvandola’ da un ristorante, comprandola regolarmente in una pescheria, ovviamente viva. Da allora, non smette di prendersi cura di lei, tanto è vero che il documentario su Leon girato lo scorso ottobre ha superato i 10 milioni e mezzo di visitatori. Numeri grandiosi, per una persona che dimostra di amare davvero il suo crostaceo domestico.

Ovviamente, prendersi cura di un’aragosta non è ‘semplice’ come tenere in casa un cane o un gatto. Per poterne garantire le migliori condizioni di salute, infatti, è necessario ricreare al meglio il suo habitat, gestendo l’acquario e la sua temperatura, nonché l’eventuale presenza di altre piante o animali marini. È per questo motivo che, prima di tentare di fare un esperimento simile in casa nostra, è necessario documentarsi e fare le opportune ricerche sull’animale che andremo ad ospitare.

Una serie di ricerche che Brady Brandwood ha fatto sicuramente, tanto è vero che dopo circa tre mesi dal suo arrivo in casa, Leon sta benissimo e continua a sguazzare tranquillamente nel suo acquario personale.  Una storia fantastica, non c’è che dire. E voi? Sareste pronti ad adottare un’aragosta come animale domestico?

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti