Avete mai provato il condom USB?

Quando si parla di sicurezza dei nostri dati, la prevenzione non è mai abbastanza

7 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

La protezione è fondamentale. Non solo tra le lenzuola ma anche quando si parla di dispositivi elettronici. I nostri dati e la nostra sicurezza sono spesso in pericolo, e le discussioni che vengono fatte in merito ai social network un giorno sì e l’altro pure lo dimostrano.

Se alcune volte i pericoli sono facilmente riconoscibili (come quelle mail che invitano a condividere i dati delle carte di credito), altre volte sono molto più insidiosi, come quando ricarichiamo il nostro smartphone in luoghi pubblici, come aeroporti, treni, stazioni, ristoranti e così via.

Come riporta Esquire.com, infatti, usare una presa USB per quanto possa sembrare un gesto semplice e sicuro, può nascondere delle insidie, ovvero tentativi di accedere al nostro dispositivo, e quindi ai nostri dati e alle nostre password. La soluzione per prevenire questi rischi esiste, ed è un dispositivo chiamato condom USB.

Le porte USB servono non solo a ricaricare, ma anche a trasferire i dati, e la tecnologia dei nostri giorni permette di trasferirli velocemente, a tal punto che basta un attimo e un malware potrebbe infettare il nostro dispositivo e trasferire tutti i dati all’esterno, dove possono essere utilizzati in qualunque modo, inseriti in banche dati, o peggio ancora usati per accedere ai nostri account social e bancari.

Questa modalità di rubare i dati viene chiamata juice jacking, e funziona senza che il derubato se ne accorga, per questo è così pericoloso. Il telefono si ricarica normalmente, senza dare segnali che facciano sospettare l’infezione.

Per questo motivo è meglio non connettersi con un cavo USB, ma con la spina direttamente al muro. L’altra misura da prendere è usare un condom USB, ovvero delle chiavette particolari in cui inserire la nostra USB e che permettono di far passare la corrente elettrica ricaricando il dispositivo, ma non permettono invece ai dati di defluire in uscita. Online se ne trovano molte, e spesso hanno proprio la forma di un preservativo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti