Clelia d’Onofrio: «Bisogna tener conto delle sensibilità altrui»

Giudice di Bake Off Italia dal 2013, Clelia D’Onofrio è in libreria con il suo nuovo lavoro “Rugiada a colazione”.

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Discovery

Dal 2013 è giudice del cooking show Bake Off Italia su Real Time e venerdì 29 novembre, insieme ai colleghi in giuria, ha incoronato Martina Russo “Miglior pasticcere amatoriale d’Italia” della settima edizione. Eppure, per Clelia d’Onofrio, la cucina non è la sola passione coltivata negli anni: la sua è, infatti, una vita spesa anche a scrivere di motori oltre che di enogastronomia.

“Più che guardare la tv, amo leggere” ci confessa la scrittrice e giornalista che il 3 dicembre porta in libreria un agile volume pieno di poesia dal titolo Rugiada a colazione (Sperling & Kupfer). Sapori e tradizioni sono al centro di una speciale storia di amicizia il cui gusto si perde quasi nel tempo con la grazia che connota la signora D’Onofrio anche sul piccolo schermo.

E di storie Bake Off è a tutti gli effetti un osservatorio privilegiato: “Quando si ha un pubblico davanti, la responsabilità è grandissima. Vengo da una rivista che si occupava della difesa dei consumatori per cui sono abituata a tenere conto di chi ho davanti, dei soldi che devono spendere e dei sogni che hanno.”

Da chi desidera fare un’esperienza televisiva a chi ha il sogno di aprire una pasticceria, passando per concorrenti che sono innamorati della cucina e vogliono avere uno scambio con dei professionisti: tante sono le categorie di persone che si presentano alle selezioni di Bake Off. E in cucina non sono mancati momenti di opinioni fra gli stessi giudici.

“Quando uno di noi fa qualche commento – ci confessa Clelia d’Onofrio – non è detto che siamo tutti d’accordo. Però la lite tra noi non c’è mai stata, la dialettica ovviamente è normale ma le parolacce sono inutili. Perché offendere una persona? Con una parolaccia non la svegli, ma puoi mortificare per sempre. Bisogna tener conto delle sensibilità perché non siamo dei robot.”

E se “Rugiada a colazione” vi incuriosisce, la sua presentazione è in programma giovedì 5 dicembre a Milano presso Rizzoli Galleria. L’evento vale un salto in centro.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti