Lo strano caso del bambino con la tosse fischiettante

Un bambino di quattro anni attira l'attenzione dei medici per la sua tosse fischiettante unica nel suo genere

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Un bambino di quattro anni in India sta tossendo di nuovo normalmente, dopo che i medici hanno rivelato che da allora è stato rimosso un fischietto giocattolo che gli si era conficcato in gola.

L’8 agosto, il New England Journal of Medicine aveva riferito che lo scorso anno il giovane (il nome non è stato rivelato) e la sua famiglia erano arrivati in una clinica ambulatoriale di otorinolaringoiatria alla ricerca di risposte per la sua persistente tosse di due giorni che però aveva un “fischio intermittente”.

Un video che mostrava il bambino alle prese con la tosse fischiettante era stato anche postato su Facebook ottenendo ovviamente un successo incredibile con migliaia e migliaia di commenti e reazioni.

Una radiografia del torace del bambino di quattro anni aveva rivelato che il suo polmone sinistro era in iperinflazione polmonare, una delle conseguenze dei meccanismi che generano ostruzione al flusso aereo e dell’eccessiva limitazione del flusso espiratorio stesso. L’iperinflazione può essere quindi causata da un blocco nel passaggio dell’aria ai polmoni o da condizioni mediche particolari. Tra queste c’è l’asma e la fibrosi cistica, ma queste due opzioni sono subito state scartate dallo staff medico come spiegato nella rivista Live Science e dalla Mayo Clinic .

I medici hanno eseguito quindi una broncoscopia, inserendo un tubo sottile nella gola e nel polmone sinistro, dove hanno incredibilmente individuato e  rimosso un “oggetto misterioso” – un fischietto giocattolo. Secondo i genitori del ragazzo, il loro figlio stava effettivamente giocando con un fischio prima che iniziasse a tossire. Solo così è stato possibile dimostrare che l’ha accidentalmente inalato.

“I corpi estranei nelle vie respiratorie sono comuni, ma la natura fischiante della tosse è eccezionalmente rara”, ha detto il dott. Pirabu Sakthivel, primario di chirurgia e oncologia presso l’All India Institute of Medical Sciences di Nuova Delhi. Come controprova dell’effettivo effetto dovuto dal fischietto, il giorno successivo la radiografia ha mostrato che il polmone sinistro del bambino si era sgonfiato ed era finalmente ritornato alla normalità.

È passato quasi un anno di costanti controlli, necessari per la particolarità della situazione, ma alla fine il bambino non ha più accusato disturbi simili a quelli riscontrati inizialmente e i suoi polmoni non hanno più fischiato.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti