Barbie, nella collezione Tokyo 2020 nessuna asiatica: è polemica

Sui social scoppia l'indignazione per la mancanza di una Barbie asiatica nella collezione dedicata ai giochi olimpici

17 Agosto 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Anche Barbie è in grado di accendere la polemica. D’altronde sappiamo bene che ormai basta pochissimo per sollevare indignazione sui social. L’ultimo “scandalo” riguarda la Mattel, che ha lanciato una collezione di Barbie per rendere omaggio ai Giochi Olimpici e all’inclusività, dimenticandosi però di comprendere una bambola asiatica.

Come riporta SkyTg24, la nuova collezione studiata in collaborazione con il Comitato olimpico internazionale comprende cinque Barbie che rappresentano altrettanti sport introdotti alle Olimpiadi per la prima volta quest’anno: ovvero baseball/softball, arrampicata sportiva, karate, skateboard e surf.

Tanti però si sono chiesti come sia stata possibile questa “dimenticanza” proprio nell’anno in cui i Giochi olimpici si sono tenuti a Tokyo con molti atleti asio-americani che hanno vinto medaglie. Tra questi va menzionata Sunisa Lee la prima hmong-americana che ha vinto la medaglia d’oro nella ginnastica artistica.

Barbie è sempre stata alquanto al passo con i tempi che cambiavano, e questo scivolone proprio non è andato giù a molte persone che, indovinate un po’, hanno riversato il proprio sdegno sui social network.

L’assenza tra le iconiche bambole di una con i tratti asiatici è stata notata da diversi utenti sui social. “Non comprerò una Barbie alle mie figlie, non ci rappresentano in alcun modo“, sono le parole espresse su Twitter dalla commissaria della contea di Michigan Macomb, Mai Xiong, immigrata negli Stati Uniti da rifugiata Hmong all’età di tre anni.

Insomma, questa volta Barbie, più precisamente la Mattel, si è meritata una bella bacchettata sulle mani, e chissà che dopo questo polverone scoppiato in rete non si cambi idea e presto non arrivi sugli scaffali un’atleta in versione bambola con i tratti somatici asiatici per mettere fine a questa spiacevole discussione. La bambola più famosa del mondo avrà sicuramente modo di riscattarsi, d’altronde si sa nessuno è perfetto, nemmeno la perfettissima e biondissima Barbie.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti