Barcellona, i gattini invadono il web contro il terrore

Dopo l'attentato di Barcellona i gattini hanno invaso il web per sconfiggere il terrore e la paura e fermare i terroristi

Il web risponde al terrore con i gattini e, dopo gli attentati di Barcellona, gli internauti hanno deciso di pubblicare sui social migliaia di foto tenere. I protagonisti sono, ancora una volta, i gatti, fra gli animali più amati del web, simbolo di dolcezza.

Si tratta della risposta del mondo ai terribili fatti di Barcellona dove un camion piombato sulla Rambla ha fatto strage di turisti, uccidendo ben tredici persone (fra cui due italiani, Luca Russo e Bruno Gullotta) e ferendone tantissime altre. La paura è grande, così come la rabbia delle tante persone che erano arrivate a Barcellona solo per divertirsi e trascorrere una vacanza felice.

Nonostante ciò il web ha deciso di rispondere alla morte e al terrore in un modo particolare, ossia pubblicando diverse foto di gattini. I motivi sono diversi, come hanno spiegato gli stessi internauti sui social. Prima di tutto pubblicare immagini dei gatti, anziché news sull’attentato, ha consentito di privare di informazioni importanti gli attentatori in fuga che, come era accaduto a Bruxelles, si informano tramite la Rete.

In secondo luogo tanti sono convinti che postare foto e video dell’attacco terroristico significhi in qualche modo “fare il gioco” dei terroristi, diffondendo il terrore e la paura. Meglio dunque le immagini di dolci gattini dalle espressioni buffe e tutti da coccolare. “Lasciate che la polizia lavori, abbiate rispetto per le vittime. Anche i terroristi usano i social media, quindi date loro i gatti al posto delle informazioni – hanno spiegato gli utenti che per primi hanno dato il via all’iniziativa -. La gente sta pubblicando foto di gatti usando l’hashtag #Barcelona per evitare che i terroristi possano avere informazioni che potrebbero aiutarli #Gatos”.

La stessa reazione era arrivata anche dopo gli attentati di Nizza e di Bruxelles. In quest’ultimo caso la polizia belga aveva persino ringraziato le persone sui social, affermando che postare i gattini aveva aiutato molto gli agenti nel loro lavoro.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti