Basta cattivi odori, questa borsa da palestra si pulisce da sola

Fonte: Twitter

Sportivi o meno, tutti conosciamo l‘odore nauseante che può uscire dalla borsa della palestra. Indumenti sudati, scarpe da ginnastica e tutto il necessario per l’attività motoria sono un’arma batteriologica che eviteremmo volentieri di portarci in casa. I responsabili sono i virus e i batteri che sudiamo e conserviamo nel microcosmo ‘borsa dello sport‘.

Paqsule è un nuovo prodotto che esordisce oggi su Kickstarter. La sua tecnologia ha dell’incredibile e permette di avviare cicli igienizzanti autonomi che distruggono i microorganismi al suo interno. Grazie ad un’app, potrete attivare una tecnologia che fa uso di luce ultravioletta e ossigeno per uccidere virus e batteri.

Com’è fatta Paqsule

Paqsule si presenta come una normalissima borsa da palestra: nera, con più scomparti di diverse dimensioni e cerniere in metallo. Il design non è senz’altro il suo punto forte, ma dobbiamo ancora trovarla la borsa da palestra che si distingua per le sue linee. Ciò che conta è la straordinaria tecnologia.

Uno degli scomparti del prodotto è completamente riservato allo smartphone. Basta infatti collegare il telefono agli ingressi usb della borsa da palestra e attivare l’app per iniziare un ciclo igienizzante. Il lavaggio può durare 15, 25, o 35 minuti a seconda dello stato degli indumenti all’interno.

Il ciclo igienizzante

Chiudendo la borsa e attivando la tecnologia PaqTech, Paqsule sottopone il contenuto ad uno screening con raggi ultravioletti e di seguito la borsa fa circolare l’ozono negli scomparti. Sia le luci ultraviolette che l’O3 hanno importantissime proprietà antimicrobiche e l’azione congiunta elimina la maggior parte dei microorganismi all’interno (secondo alcuni il 99,99%). Fra le poche indicazioni da seguire c’è quella di attendere circa 5 minuti prima di aprire Paqsule dopo ciclo di sterilizzazione, il tempo necessario perché l’ozono si trasformi nuovamente in ossigeno.

Uno dei vantaggi di questo processo igienizzante è che non usa acqua. Dunque, anche lasciando libri, cibo e dispositivi elettronici all’interno della borsa è possibile provvedere al ‘lavaggio’. Tutto ciò che è contenuto verrà di fatto sterilizzato quasi perfettamente. D’altro canto, la società che ne detiene il brevetto sta lavorando per rendere possibile il lavaggio a distanza, tramite GPS, in modo da poter attivare il processo anche se non si è vicini alla borsa della palestra.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti