Berlino: nasce il primo centro per il rifiuto della carriera

A Berlino è nato il primo centro per il rifiuto della carriera, realizzato da chi non vuole più pensare solo al lavoro

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Facebook

A Berlino nasce il primo centro per il rifiuto della carriera. A realizzarlo due anni fa è stata Alix Faßmann, giornalista e addetta stampa del SPD (partito socialdemocratico tedesco). L’idea è arrivata dopo un viaggio rivelatore in Sicilia e l’incontro con Anselm Lenz, autore teatrale dell’Hamburger Spielhaus, uno fra i teatri più importanti della Germania. L’uomo, stanco di dover sacrificare le sue passioni, l’amicizia e l’amore per la carriera, aveva deciso di licenziarsi e di partire per l’Italia.

Da quell’incontro nel 2014 nacque il libro Arbeit ist nicht unser Leben: Anleitung zur Karriereverweigerung (Il lavoro non è la nostra vita: guida al rifiuto della carriera). Il libro divenne un manifesto programmatico per la donna e Haus Bartleby, che pochi mesi dopo fondò a Berlino il famoso centro per il rifiuto della carriera.

Il centro ha sede a Neukölln e raccoglie professionisti di vari settori, accomunati dalla volontà di rifiutare l’idea secondo cui la carriera è il valore più importante nella vita di una persona. Il progetto culturale ha attirato molte curiosità ed ha evidentemente interpretato l’esigenza di tanti: gli abbonati alla rivista sono in continua crescita, mentre moltissimi quotidiani, da Die Zeit a Die Welt sino all’Huffington Post, si sono occupati del tema. Faßmann e Lenz nel frattempo continuano a realizzare pubblicazioni, organizzare conferenze con economisti e psicologi e ad ottenere l’appoggio degli istituti più importanti, fra gli ultimi il Club of Rome e la Rosa-Luxemburg Stiftung.

I membri dell’associazione sono ormai tantissimi, con ben quaranta collaboratori, fra cui spiccano l’ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis e Dirk von Lowtzow, membro della rock band amburghese Tocotronic.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti