Bologna juventino, la piazza insorge

I tifosi si scagliano contro la nuova maglia del club felsineo.

Il Bologna ha presentato la prima maglia ufficiale per la stagione 2017/2018, ma nessuno tra proprietà e dirigenza si sarebbe mai aspettato una reazione tanto scandalizzata dai calorosi tifosi felsinei.
Il motivo del contendere è una particolare scelta di design sulla casacca rossoblu firmata Macron, ovvero il logo. Sì perché lo stemma della società ha cambiato volto: non è più dipinto con i colori ufficiali della squadra e con il bordo giallo-oro, bensì con il bianco e con il blu scuro (tendente al nero), facendo somigliare il classico logo del Bologna a quello della Juventus, squadra tutt’altro che amata dal popolo petroniano.
Sui social network, appena vista la fotografia dell’attaccante Mattia Destro e del terzino Adam Masina con indosso le maglie ‘incriminate’, i tifosi hanno digitato tutto il loro sdegno: “Il logo sarà anche bianco e blu scuro ma sembra bianco e nero”, ha scritto un utente di Twitter. “Il logo non si tocca. Non siamo mica juventini”, ha fatto eco un altro. “Allora il punto è questo. Il simbolo di una squadra non si può cambiare, proprio come linea di principio”, ha scritto un altro tifoso su Facebook;
Subito i piani alti hanno risposto alle critiche cercando di motivare la scelta di applicare il nuovo logo sulla casacca: Gabriele Tacconi, rappresentante di Macron, si è limitato a dire che si tratti di un logo che guarda alla tradizione, ma anche all’innovazione. Christoph Winterling, responsabile marketing del Bologna, si è invece affrettatto a chiarire che la novità è prevista solo per le maglie della stagione 2017/2018.
“Il Sig. Winterling si dovrebbe dimettere e anche il DG che permette una cosa del genere dovrebbe cambiare aria. In oltre 100 anni di storia mai c’era stato un oltraggio simile… Uno schiaffo ai tifosi”, ha ribadito però su Facebook un altro tifoso, evidentemente non convinto dalle giustificazioni del responsabile marketing.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti