Boom di nascite in Cina dopo l'abolizione della legge sul figlio unico

Nel 2016 il numero più alto da inizio secolo

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Copyright (c) APCOM.

Pechino, 23 gen. (askanews) – Boom di nascite in Cina nel 2016, dopo l’abolizione della legge sul figlio unico, tanto che è stato registrato il numero più alto di nuovi nati dall’inizio del secolo.

Secondo quanto riferito da un alto funzionario della Commissione nazionale per la salute e la pianificazione familiare, Yang Wenzhuang, sono stati 17,86 milioni i nuovi nati nel 2016, con un incremento del 7,9% rispetto al 2015, quando le nascite erano state 16,55 milioni. Yang ha tenuto a rimarcare come il 45% delle nascite sia avvenuto in famiglie che avevano già almeno un bambino, contro il 30% registrato nel 2013.

A fronte dell’invecchiamento della popolazione, Pechino ha smantellato negli ultimi anni la politica del figlio unico che era in vigore dagli anni ’70. A partire dal 2013 era stato concessa la possibilità di avere un secondo bambino alle coppie in cui uno dei due membri era figlio unico, diritto poi esteso a tutte le coppie a partire dal 1 gennaio 2016, a seguito di una decisione del Partito comunista. Tuttavia il costo della vita sta scoraggiando i genitori ad avere più figli: stando a uno studio realizzato lo scorso anno dall’Associazione delle donne cinesi, il 53% delle famiglie che ha già un bambino non intende averne un secondo.

Alla fine del 2015 la Cina ha registrato 1,37 miliardi di abitanti; all’inizio del 2016 Pechino ha detto di aspettarsi che la popolazione arrivi a circa 1,42 miliardi di persone nel 2020, a circa 1,45 miliardi verso il 2030, per poi cominciare a diminuire.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti