Boris Becker: l'ex re dell'erba è in bancarotta

Fonte: Facebook

Boris Becker, tedesco, 49 anni, è un ex campione di tennis che sull’erba di Londra ha vinto per non meno di tre volte il prestigioso torneo di Wimbledon. Ritiratosi per raggiunti limiti di età dalla professione di tennista, Becker ha davanti a sé un immediato futuro che si prospetta tutt’altro che roseo.

L’ex campione da alcuni anni era coinvolto in una disputa giudiziaria contro alcuni privati banchieri londinesi della Arbuthnot Latham. La disputa riguardava il rimborso di una cifra consistente di denaro -sembra si tratti di 6 milioni di euro- ai banchieri in questione.

Il debito di Boris Becker

Becker, dopo essersi ritirato da giocatore di tennis, si è dedicato per lungo tempo ad allenare alcuni tennisti professionisti tra i quali, dal 2013 al 2016, Novak Djokovic. Attualmente, dopo aver concluso anche questo percorso professionale, è commentatore televisivo del torneo di Wimbledon per la Bbc.

Questa rinnovata celebrità e il ritorno economico che ne deriva non hanno però impedito allo sportivo l’insolvenza nei confronti dei banchieri. Gli avvocati di Becker, il quale non era presente nell’aula del tribunale, hanno domandato quattro ulteriori settimane di tempo per ultimare la vendita di una proprietà del commentatore a Maiorca. I giudici, però, non hanno accolto questa richiesta all’apparenza ragionevole.

Un debito storico che Becker pagherà

Essi, infatti, hanno affermato che il debito contratto da Becker è ormai storico, risale a due anni fa, e l’ex campione aveva già fatto finta di nulla da lungo tempo. Si sono ritrovati dunque a dover dichiarare la sua insolvenza. Christine Derrat, cancelliera della corte, si dice amareggiata dalla decisione presa, poiché aveva seguito Becker negli anni della sua carriera sportiva.

Il tribunale di Londra dichiara Boris Becker in bancarotta, ma la sua risposta non si fa attendere. In una nota, replica che è perfettamente in grado di assolvere al suo debito e che non esiterà a farlo quanto prima. Si dichiara estremamente sorpreso dalla sentenza e sconcertato dal vedere la sua richiesta di proroga respinta. Tuttavia, afferma che adempirà al suo dovere senza alcun ostacolo di tipo economico, dato che la sua proprietà in vendita ha un valore superiore al suo debito. Per il momento vuole concentrarsi solo sul suo ruolo di commentatore televisivo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti