Cacca per tutti, perché tenerla sotto controllo può migliorare la nostra salute

Le feci rivelano il nostro stato di salute, controllare le feci potrebbe aiutarvi a prevenire disturbi legati al vostro organismo

Il percorso di digestione che comprende molte parti del nostro corpo inizia subito dopo il primo morso. Gli enzimi, molecole chiave del processo, iniziano la demolizione del cibo già nella bocca per poi continuare nello stomaco e nell’intestino rompendo grasso e proteine, creando molecole ancora più piccole che vengono assorbite dal sangue passando tramite le pareti dell’intestino. Le contrazioni dei muscoli portano lo scarto verso l’intestino crasso, dove viene riassorbita l’acqua e rimane il cibo non digeribile, i microbi e le cellule morte pronti per essere espulsi.

Cosa controllare per capire se qualcosa va storto nel nostro corpo?

Prima cosa da controllare è il colore delle feci. La cacca può avere diverse tonalità di colore che dipendono da quello che mangiamo. I più comuni sono marrone, giallo e verde, se non è in questo range di colori non vuol dire che ci siano dei problemi, perché dobbiamo ricordare l’importanza del cibo che ingeriamo. Per esempio se mangiamo barbabietole potremmo vedere la cacca rossa. Quindi niente panico!

I colori ci rivelano anche alcuni disturbi, come ulcere, nel caso in cui risulti di un rosso acceso o nero, oppure infiammazioni dell’intestino, come la malattia di Crohn, in questo caso la cacca si presenterà sotto forma di diarrea di colore rosso.

Un altro aspetto da considerare è la forma delle feci. L’importante è che abbiamo una forma definita: questo significa che la nostra digestione è avvenuta completamente. Non esiste una forma ideale ma è stata creata una scala, divisa in sette categorie che descrive le diverse forme delle feci.

La scala delle feci di Bristol è stata creata in Inghilterra da Ken Heaton, presso l’University of Bristol nel 1997 con l’aiuto di 66 volontari. Lo scopo era quello di aiutare i medici ad effettuare diagnosi tramite l’osservazione delle feci.

Bisogna prestare attenzione anche al cibo che ritroviamo nelle feci. Se vediamo dei pezzi di cibo non dobbiamo allarmarci, soprattutto se mangiamo alimenti contenenti cellulosa come il mais poiché si tratta di una fibra non digeribile dal nostro corpo. Ma se notiamo dei pezzi di cibo riconoscibili e più grandi può essere un segnale di un disturbo della digestione.

Se volete prevenire le malattie il consiglio è quello di controllare la cacca, ogni giorno potreste evitare complicazioni di salute in futuro.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti