Il caso Insinna spiegato a mio figlio: il video di Vernia

Giovanni Vernia parla del "caso Insinna" in un video che sta facendo discutere sul web

In questi giorni non si parla d’altro che del “caso Insinna”. Il conduttore di “Affari tuoi” infatti è finito nella bufera dopo che Striscia la Notizia ha mandato in onda una sua sfuriata.

Nell’audio, trasmesso qualche giorno fa da Antonio Ricci, Flavio Insinna inveisce contro una concorrente di “Affari Tuoi”, definendola una “nana” e accatta la redazione per la scelta dei partecipanti allo show di Rai Uno. I toni, le parole e i modi di Flavio Insinna sono apparsi da subito molto aggressivi e spiacevoli a tutti. Il web si è diviso: c’è chi ha scelto di difenderlo, affermando che capita a tutti di arrabbiarsi e che il conduttore è stato tradito da qualcuno che l’ha registrato di nascosto, mentre altri hanno criticato Insinna per il suo modo di fare e le parole usate contro la concorrente della Val D’Aosta.

Fra le tante opinioni c’è anche quella di Giovanni Vernia. Il comico ha voluto dire la sua pubblicando un video sulla propria pagina Facebook in cui spiega il “caso Insinna”, al figlio. La clip è ambientata in auto, con Giovanni Vernia che parla amorevolmente al bambino, seduto sul seggiolino. “A tutti capita di arrabbiarci nella vita, solo che quando ti arrabbi l’importante è non trascendere mai – spiega il papà al piccolo -, mai farsi prendere troppo dalla rabbia perché le parole che ha usato lui sono troppo gravi, è ingiustificabile quello che ha fatto Insinna”.

Come si suol dire: le ultime parole famose. Visto che poco dopo qualcuno inizia a suonare il clacson e Giovanni Vernia perde letteralmente le staffe. Il comico comincia a gridare e ad inveire contro l’altro automobilista, poi si lascia andare a insulti, parolacce e urla, sino a quando non torna nuovamente a parlare con il bambino.

“Tu ridi, ma è così – conclude -. Non si fa. Quello che ha fatto Flavio Insinna è sbagliato”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti