C'è un portale che connette la Lituania e la Polonia

Un modo per abbattere le barriere, fisiche e psicologiche, tra le persone

3 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Soprattutto in questo anno di pandemia abbiamo sofferto molto la distanza tra esseri umani. Non potevamo nemmeno uscire di casa, figuriamoci mettere piede fuori dal nostro Stato. Eppure è stato aperto un portale tra due città europee, Vilnius in Lituania e Lublino in Polonia, costruito proprio per ridurre le distanze tra gli uomini non solo in termini geografici.

Molte delle sciagure che sono capitate nella storia dell’umanità, infatti, sono avvenute proprio perché non siamo riusciti ad accettare e abbracciare le diversità. Queste sono quel che ci rendono unici, e dovrebbero arricchirci invece di separarci.

Il portale, che permette alle persone delle due città di vedersi, è di forma circolare ed è il primo del suo genere. A Vilnius il portale si trova vicino alla stazione ferroviaria di Vilnius, a Lublino risiede in Plac Litewski. Queste 2 città hanno un legame storico preciso, poiché l’Unione di Lublino è stata firmata il 1 luglio 1569 tra la Polonia e la Lituania proprio in quella città. Quell’unione creò un unico stato, il Commonwealth polacco-lituano, uno dei più grandi paesi d’Europa all’epoca.

I portali hanno entrambi schermi e telecamere per trasmettere in diretta l’altra città. I creatori del progetto hanno notato che le persone interagiscono tra di loro: salutano e mandano baci ad esempio. Lo scopo principale del progetto è connettere le persone.

Sul sito ufficiale, come riporta BoredPanda, si legge: “Circondarsi solo di chi è vicino e parla la stessa lingua ci dà conforto e un senso di stabilità. Limita anche la prospettiva del mondo alla nostra ristretta cerchia. Lentamente diventa uno spazio perfetto per risvegliare insicurezze verso chi ne è al di fuori e una scusa perfetta per non badare al mondo che gli appartiene. Ogni giorno c’è meno spazio per il dialogo, l’empatia e la compassione […] Trascendiamo questo senso di separazione e diventiamo i pionieri dell’unità”.

Il progetto è stato terminato durante la pandemia. I creatori di Vilnius Tech hanno lavorato al portale per 5 anni e ora era il momento migliore per presentarlo pubblicamente, quando tutti sono così isolati e bramano un piccolo assaggio di qualcosa di nuovo.

Il portale tra Vilnius e Lublino è stato il primo al mondo, ma non sarà l’ultimo. I creatori del progetto sperano di collegare decine di città in tutto il mondo e due nuove città sono pronte per ospitare un altro portale: Reykjavik, in Islanda, e Londra, nel Regno Unito.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti