Centro Italia, 4 forti scosse. A Teramo non basta l'esercito

Domani in Umbria le scuole resteranno chiuse per le verifiche

Roma, 18 gen. (askanews) – In provincia dell’Aquila, nella stessa area, da questa mattina sono stati localizzati oltre 100 eventi sismici e quattro di magnitudo maggiore di 5, l’ultimo alle 14.33 di magnitudo 5.1. E’ il bilancio della sequenza che sta colpendo il centro Italia reso noto dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

In particolare, la prima forte scosse di magnitudo locale o Richter 5.3 – magnitudo momento 5.1, è stata registrata alle 10.25, ad una profondità di 9,2 di chilometri; i comuni, nell’aquilano, più vicini all’epicentro, entro dieci chilometri sono Montereale 3,1 km, Capitignano 4,3 km, Campotosto 9 km, Amatrice, nel reatino, 9,5 km.

La seconda alle 11.14 a 9,1 km di profondità, con magnitudo richter 5.4 e magnitudo momento 5.5; i comuni, tutti nell’aquilano, più vicini all’epicentro, sono: Capitignano 1,8 km, Monterale 2,8 km, Campotosto 8 km, Barete 8,8 km, Cagnano Amiterno 9,2 km.

La terza scossa alle 11.25 a 8,9 km di profondità, magnitudo Richter 5.3 e momento 5.4; i comuni dell’epicentro: Capitignano 3 km, Barete 5,5 km, Montereale 5,8 km, Pizzoli 6,1 km, Cagnano Amiterno 8,4 km, Campotosto 8,8 km, sempre tutti nell’aquilano.

Infine, la quarta scossa alle 14.33, a 10 km di profondità, di magnitudo Richter 5.1 e magnitudo momento 5.0; comuni dell’epicentro entro i dieci chilometri, tutti nell’aquilano: Barete 3 km, Pizzoli 4,4 km, Capitignano 5 km, Cagnano Amiterno 5,3 km, Montereale 5,4 km.

In provincia di Teramo le scosse hanno reso ancora più grave una situazione già difficilissima per le nevicate dei giorni scorsi e l’assenza di corrente elettrica e a questo punto anche di viveri e medicinali. La Provincia di Teramo ha fatto sapere che “le scosse di terremoto che continuano a susseguirsi rendono i soccorsi più difficili; continuano a rimanere isolati interi paesi, ci sono centinaia di richieste di aiuto da parte di cittadini senza luce da tre giorni e senza viveri; di cittadini malati in località isolate”.

E nel capoluogo la situazione non è migliore “La città di Teramo si è svuotata; frane e smottamenti su molte strade provinciali della Pedemontana, slavina a Prati di Tivo. Isolati parzialmente o completamente i comuni di Castellalto, Valle Castellana; Isola del Gran Sasso, Castelli; Arsita, Bisenti, Cortino. Ci sono segnalazioni di crolli di tetti di case al momento non sappiamo se con feriti”. È sceso in campo anche l’esercito che aiuta la Provincia nel non facile compito di riaprire le strade e si sta procurando nuovi mezzi, adatti a riaprire le strade.

La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha invitato i Comuni e la Provincia di Perugia e Terni a verificare tutti gli edifici scolastici dell’Umbria. A tal fine i sindaci sono stati invitati a disporre con specifica ordinanza la chiusura per la giornata di domani, 19 gennaio, e la riapertura dei plessi scolastici al termine delle procedure di verifica. Ciascun sindaco dovrà indicare nella propria Ordinanza il giorno di riapertura.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti