0, 0, 0, 0, 0, 1, 0 trend

Chi è Brunella Cacciuni, alunna de "Il collegio 2"

Tutto su Brunella Cacciuni, la ballerina di Napoli divenuta alunna de "Il collegio 2" su Rai Due

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Instagram

Brunella Cacciuni è una delle studentesse de “Il collegio 2”, il programma in onda su Rai Due in cui 18 alunni (9 ragazze e 9 ragazzi) dovranno vivere in un collegio degli anni Sessanta. I protagonisti di questo originale docu-reality dovranno studiare e superare l’esame finale davanti alla commissione come accadeva nel 1961.

Si tratta di una vera e propria sfida per gli adolescenti, che dovranno imparare a rispettare le autorità del collegio, fare a meno dei social e dello smartphone, ma soprattutto seguire il regolamento. Un’impresa non semplice per tanti di loro, in particolare per Brunella Cacciuni, un’adolescente che è allergica alle regole. La 15enne arriva da Napoli, è solare, iperattiva e dinamica. Nella sua città frequenta il secondo anno di Liceo Scientifico, ha la fobia dei bottoni e una grande passione: il ballo. Proprio per inseguire l’amore per la danza, che spera di far diventare una professione, Brunella si è trasferita a Napoli. Vive con la madre e fra le due c’è un rapporto molto conflittuale, tanto che la donna la definisce una “capatosta”.

Il carattere della giovane di certo entrerà in conflitto con i professori e con le regole de “Il collegio 2”. La ragazza sopporterà la mancanza di libertà, il controllo continuo da parte dei Sorveglianti e le lunghe sessioni di studio? Nella scorsa edizione molti concorrenti hanno scelto di abbandonare il Collegio Convitto di Celana a Caprino Bergamasco, qualcuno è stato espulso, mentre qualcun altro non è riuscito a superare l’esame finale.

Ad accompagnare i ragazzi in questa avventura ci saranno un corpo docente formato da sette professori e un preside. Le materie di studio sono le stesse del 1961, ci sarà perciò un corso di calligrafia e i ragazzi dovranno imparare delle poesie a memoria, recitandole davanti alla classe. Chi non rispetterà le regole, come accadeva negli anni Sessanta, verrà punito.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti