Chi è Giordano Francati, alunno de 'Il Collegio 5'

Tutto su Giordano Francati, il 17enne che arriva da Roma e che sarà uno degli alunni de 'Il Collegio 5' su Rai Due.

12 Ottobre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: RAI

Giordano Francati, 17 anni di Roma, sarà uno dei nuovi alunni de Il Collegio 5, il docu-reality che partirà ufficialmente il 27 ottobre su Rai2. Nella descrizione apparsa sul profilo ufficiale Instagram de Il Collegio, Giordano è soprannominato Il Redento ed è descritto come “studioso e diligente”. Il profilo Instagram dell’alunno, ‘taggato’ da quello de Il Collegio, è però purtroppo privato quindi è impossibile scavare un po’ più a fondo nei suoi interessi e nei suoi hobby. Nel frattempo, su RaiPlay sono stati resi disponibili i provini dei ragazzi, a cui seguiranno le video presentazioni disponibili dal 17 ottobre: sarà forse possibile scoprire qualcosa in più sul Redento?

La nuova edizione de Il Collegio – la quinta – partirà ufficialmente martedì 27 ottobre come sempre su Rai2: la classe si sposterà dal 2020 al 1992. La voce narrante della nuova stagione sarà quella di Giancarlo Magalli, che torna ad essere il narratore delle vicende dei ragazzi. Il programma è stato registrato nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste per l’emergenza sanitaria in corso. Il Collegio, realizzato in collaborazione con Banijay Italia è basato sul format internazionale Le Pensionnat – That’ll teach’em di cui la Rai ha acquisito i diritti. È un programma scritto da Luca Busso, con Valentina Monti, Marco Migliore, Elia Stabellini, Laura Cristaldi, Emanuele Morelli, Veronica Pennacchio; con la regia di Fabrizio Deplano. La location si è spostata dalla Lombardia al Lazio: il nuovo collegio sarà dunque il Regina Margherita di Anagni (in provincia di Frosinone). Gli alunni della nuova classe sono ventuno in totale.

Non cambierà l’apporto tecnologico a disposizione, perché – come ben noto – negli anni ’90 ancora non avevamo a disposizione internet e il magico mondo del web. Tuttavia, nel 1992 sarà inviato il primo sms della storia: siamo ben lontani dalla diffusione dei primi cellulari tra i comuni cittadini, ma chissà che Il Collegio non decida di approfittare di questa introduzione tecnologica a proprio favore.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti