Chi è lo chef Francesco Mazzei, re della 'nduja?

Francesco Mazzei è uno degli ambasciatori della cucina calabrese a Londra. Fra le sue specialità la ‘nduja non può che essere l’elemento dominante

Fonte: Facebook

A otto anni già lavorava nella gelateria dello zio in Calabria, a Cerchiara. Da lì, la passione per la ristorazione che l’ha portato nelle cucine di celebri catene di hotel come il Ciga e il Drorchester a Londra. In pochi anni è arrivato il salto di qualità: l’apertura di Santini in Scozia e Franco’s e L’anima nella capitale britannica. Oggi, Francesco Mazzei è il deus ex machina de “La Sartoria“, ristorante di cucina calabrese in Savile Row a pochi passi da Piccadilly Circus.

Nel futuro già si intravedono il “Radici”, prossimo ristorante londinese e un progetto in Calabria per far emergere giovani cuochi di livello internazionale. Mazzei ha fatto conoscere la ‘nduja e i piatti regionali all’élite della city. Si è imposto, al pari di molti altri cuochi italiani nel mondo, come un vero e proprio ambasciatore del Bel Paese: una di quelle cosiddette eccellenze che partono per il mondo ma che conservano le radici con la terra natale.

Il successo globale della cucina calabrese

Mazzei spiega che il successo della cucina calabrese a livello internazionale è dovuto a due fattori che sembrano fra loro in antitesi: la globalizzazione e la regionalizzazione. Da una parte, le nuove tecnologie e le politiche di apertura delle frontiere hanno favorito la diffusione in tutto il mondo delle competenze e della qualità culinaria italiana. In questo senso, la globalizzazione ha aiutato il successo di numerose realtà gastronomiche in vetrine prestigiose come i centri urbani delle grandi città metropolitane. Dall’altro lato, la cucina italiana all’estero, una volta appiattita su quattro o cinque piatti celebri, ha visto nel tempo una sofisticazione verso menù prettamente regionali. Non si parla più di “ristoranti italiani”, ma bensì di ristoranti pugliesi, siciliani, toscani, piemontesi e, ovviamente, calabresi.

Se le due variabili appena introdotte sicuramente hanno agevolato il successo della cucina calabrese, lo stesso si può dire della qualità delle materie prime. Mazzei è, in questo senso, uno dei promoter principali della ‘nduja: un salume spalmabile capace di adattarsi a qualsiasi piatto conferendogli personalità e spessore. La cucina calabrese, povera ma intensa, trova il favore delle papille gustative dell’upper class londinese anche grazie al contributo di Francesco Mazzei.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti