Chi è il ragazzo che ha cancellato Salvini dall'Internet

Mattia è un giovane scrittore di Trento che ha deciso di cambiare la sua vita online, cancellando per sempre (o quasi) Matteo Salvini.

Si chiama Mattia Zadra, ma per molti è diventato “il ragazzo che ha cancellato Salvini dall’Internet”. Da anni gli avversari politici e i detrattori cercano di eliminare il leader della Lega dalla scena pubblica, ma – almeno per ora – solo lui ci è riuscito.

27 anni, un lavoro di scrittore e poeta performativo, vive nella provincia di Trento, dove organizza eventi letterari. Non è un fan di Salvini, ma molte persone che conosce sono suoi sostenitori. Il risultato? I suoi social vengono spesso invasi da post che riguardano il Ministro e che, inevitabilmente, finiscono per creare un acceso dibattito.

Un po’ troppo per i gusti di Mattia, che ha deciso di adottare un sistema geniale per cancellare Salvini dall’Internet e non doverci più fare i conti. Per farlo ha utilizzato un’estensione per Google Chrome, spoiler protection 2.0, che consente di oscurare alcuni contenuti inserendo una parola chiave.

“L’idea del filtro-Salvini è nata da una chiacchierata con la mia ragazza – ci ha svelato -. Lui è uno dei politici più presenti online, ogni giorno si parla di lui un po’ ovunque. Questa onnipresenza unita ai toni che è solito usare, toni violenti, sia nella forma che nei contenuti, mi hanno portato ad averne abbastanza. La sua aggressività verbale – ha aggiunto – ne attira altra, sia da chi lo supporta che da chi lo critica, creando così un circolo vizioso di odio”.

Da qui la decisione di utilizzare un “blocco” per filtrare le notizie e non far arrivare quelle che riguardano Matteo Salvini. “L’estensione è nata per bloccare gli spoiler di film/partite e serie tv – ci ha raccontato Mattia -. In sostanza blocca ogni contenuto con all’interno la parola chiave scelta. Al suo posto compare un quadrato rosso. L’estensione comunque è facile da mettere in pausa qualora si volessero leggere le notizie dei giornali”.

In futuro potrebbe rivelarsi utile anche per contrastare le fake news che da anni ormai invadono il web. “Esistono anche delle pagine adibite proprio allo smascheramento delle fake news – ha spiegato Mattia -. Una delle più seguite si chiama proprio “Bufale”. Un controllo lì potrebbe rivelarsi utile”.

Oggi la vita online di questo giovane scrittore è molto cambiata: “È senz’altro più serena. Mi stanno arrivando tanti messaggi di ringraziamento da altre persone che come me erano stufe di questi toni sopra le righe e le reazioni e condivisioni agli articoli dedicati all’iniziativa certo non mancano”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti