Chi mangia peperoncino può vivere più a lungo

Buone notizie per chi ama il cibo piccante: il peperoncino riduce il rischio di ammalarsi di cancro e di patologie cardiache: la ricerca

13 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Buone notizie per chi ama il cibo piccante: il peperoncino riduce il rischio di ammalarsi di cancro e di patologie cardiache. La scoperta, come riporta Insider, arriva dalla Cleveland Clinic che ha svolto una ricerca sugli effetti di questo comune alimento, utilizzato per dare un sapore forte alle pietanze. I ricercatori, in particolare, hanno analizzato i dati clinici di oltre mezzo milione di persone residenti negli Stati Uniti, in Italia, Cina e Iran.

Incrociando le informazioni sulla salute dei pazienti e sulle loro abitudini alimentari, è emerso che i soggetti che consumavano regolarmente peperoncino avevano il 26% in meno di probabilità di morire di malattie cardiache e il 23% in meno di probabilità di morire di cancro rispetto a chi invece non gradiva la piccante spezia.

Siamo rimasti sorpresi di scoprire che in questi studi pubblicati in precedenza, il consumo regolare di peperoncino era associato a una riduzione complessiva del rischio di malattie cardiovascolari e mortalità per cancro. Significa che i fattori dietetici possono svolgere un ruolo importante nella salute generale” ha commentato in un comunicato stampa il dottor Bo Xu, cardiologo della Cleveland Clinic.

Una notizia davvero importante sul fronte della prevenzione oncologica e delle patologie che interessano il cuore, l’organo più importante del corpo umano. I ricercatori, però, non sono riusciti a spiegare la dose e la tipologia necessarie affinché il peperoncino possa essere considerato un vero salvavita. Ecco perché gli esperti inducono alla cautela.

Le ragioni esatte e i meccanismi che potrebbero spiegare i nostri risultati sono attualmente sconosciuti. Pertanto, è impossibile affermare in modo definitivo che mangiare più peperoncino può prolungare la vita e ridurre le morti, soprattutto per fattori cardiovascolari o cancro” ha aggiunto Xu.

Un dato certo però c’è: la capsaicina, la sostanza che rende piccanti i peperoncini, è collegata a molti benefici per la salute (sebbene mangiare troppo peperoncini possa causare problemi di memoria). Ricerche precedenti hanno infatti dimostrato che questa spezia è utile contro le infiammazioni, allevia il dolore e aiuta a perdere peso. Non solo: aiuta anche la digestione e regola il metabolismo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti