Cinema proietta per 20 secondi La La Land prima di Moonlight

Dopo la gaffe degli Oscar 2017, un cinema di Londra ha fatto uno scherzo ad alcuni spettatori, trasmettendo "La La Land" prima di "Moonlight"

Un cinema ha deciso di proiettare sullo schermo per 20 secondi “La La Land”, durante “Moonlight”, scatenando applausi e fischi del pubblico in sala. La gaffe agli Oscar 2017, con la premiazione di “La La Land” al posto di “Moonlight” nella categoria Miglior Film a causa di uno scambio di buste, continua a far discutere. L’errore ha provocato non poca ilarità e un cinema di Londra ha pensato bene di cavalcare l’onda facendo un piccolo scherzo ai suoi spettatori.

Proprio in onore di questo errore, il cinema Rio di Londra, ha deciso di far apparire sullo schermo “La La Land”, nel momento in cui gli spettatori erano arrivati in sala per vedere “Moonlight”.

“Si trattava di un teaser trailer, non era il film – ha raccontato uno degli addetti del cinema -, ma abbiamo fatto in modo che sembrasse che La La Land stesse per cominciare! Quando gli spettatori si sono resi conto di quello che stava succedendo, sono partiti applausi e risate”.

Gli Oscar 2017 saranno ricordati soprattutto per lo scambio di buste e la gaffe di Barry Jenkins, che sul palco ha annunciato la vittoria di “La La Land” per poi spiegare di essersi sbagliato. L’imbarazzo è stato grande soprattutto perché tutto il cast del musical è salito sul palco e la statuetta è stata tolta dalle mani del regista proprio mentre il produttore Jordan Horowitz pronunciava un discorso di ringraziamento.

Poco dopo il premio è stato dato a “Moonlight” di Barry Jenkins. Secondo l’inchiesta realizzata dagli Academy Awards il responsabile del pasticcio sarebbe Brian Cullinan, ossia uno dei soci della Pricewaterhousecoopers, società a cui era stato dato il compito di custodire le buste in cui erano scritti i nomi dei vincitori.

L’uomo pubblicando su twittando una foto di Emma Stone e, preso dalla sua attività si è confuso, dando a Warren Beatty e Faye Dunaway la busta sbagliata. “Una volta che si è verificato l’errore – hanno spiegato gli organizzatori dell’Oscar annunciando che l’uomo è stato licenziato -, i protocolli per la correzione non sono stati avviati abbastanza rapidamente da Cullinan o dal suo socio”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti