Clamoroso, campionessa sospesa per una crema solare

Crolla un mito: "Questo è un incubo"

Fonte: Getty Images

Crolla un altro mito in Norvegia, la patria regina dello sci di fondo. Dopo la sospensione per due mesi di Martin Sundby, protagonista nelle ultime stagioni di Coppa del Mondo, al centro della bufera è finita addirittura la bella Therese Johaug, dominatrice della stagione con le vittorie in coppa e nel Tour de Ski.

La ragazza è stata trovata positiva ad un controllo antidoping per colpa del clostebol, una sostanza anabolizzante contenuto nella crema solare Trofodermin acquistata in una farmacia di Livigno.

La sostanza è stata proposta dal medico della nazionale norvegese, Fredrik Bendiksen, il 4 settembre, e la positività è stata riscontrata il 16 settembre, quando la Norvegia si trovava in raduno d’altura nella stazione italiana. Il medico se n’è assunto tutte le responsabilità dimettendosi dall’incarico con effetto immediato. 

La Johaug, 28 anni, è un autentico mito in Norvergia con 7 ori mondiali conquistati e tre medaglie alle Olimpiadi invernali. Theresa, in lacrime, si è detta “devastata dalla vicenda che trovo immeritata e ingiusta ma sono anche consapevole delle mie responsabilità, un’atleta deve sapere ciò che prende, questo è un incubo". Il medico si è preso tutte le colpe: "E' una ragazza che non molla mai e spero non venga punita eccessivamente. È stata una mia leggerezza". Rischia una squalifica di almeno 6 mesi, che la costringerebbe a saltere così tutta la stagione invernale.

Il presidente della federazione Erik Røste ha detto: "Questo è un giorno terribilmente triste. Siamo ora molto preoccupati per il benessere di Therese e Fredrik. Staremo loro vicini in questa situazione difficile".

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti