Come curare l'orchidea dopo la caduta fiori? Attenzione al sole

L'orchidea richiede cure precise anche dopo che ha perso i fiori. Ecco come bisogna procedere

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

L’orchidea è una pianta molto diffusa e amata per i suoi bellissimi fiori. Si presta molto bene a essere regalata per ricorrenze speciali ed è presente in tante case. Qualche perplessità però può sorgere sulla modalità da seguire per curarla una volta che ha perso i fiori (questa è l’orchidea più brutta del mondo)

La fioritura dell’orchidea in genere avviene in inverno e dura non poco, più o meno fino alla primavera inoltrata, quando i fiori iniziano ad appassire e a cadere, lasciando spoglio lo stelo. Questo va reciso oppure tenuto. Meglio tenerlo per avere una nuova fioritura in tempi più brevi. Se lo si recide (alla base) la fioritura successiva avrà origine da un nuovo stelo emesso dopo un anno. Anche se non lo si vuole recidere va almeno accorciato. Come fare? Lo stelo va lasciato all’altezza del terzo o quarto nodo, e il taglio va eseguito un centimetro sopra il nodo più alto.

A questo punto possiamo vedere come curare un’orchidea senza fiori. Tale tipo di pianta preferisce un ambiente umido e caldo, con temperature comprese tra i 15 e 34°C. Dalla primavera inoltrata, quando la pianta avrà perso i fiori e le temperature inizieranno ad aumentare, possiamo mettere l’orchidea all’esterno, sul terrazzo o sul balcone, a patto però che sia in una posizione nella quale non venga colpita dai raggi diretti del sole.

Il motivo è presto detto: i raggi del sole, infatti, possono avere un’azione dannosa sulla nostra graziosa pianta. Il danno sarà visibile sulle foglie turgide e carnose dell’orchidea, che inevitabilmente ingialliranno. Quando il sole colpisce le foglie queste possono essere bruciate, oppure possono diventare gialle, danneggiarsi gravemente e infine cadere. E sarebbe proprio un peccato, dopo aver fatto tanto per tenerla in vita, vanificare tutti gli sforzi per una distrazione. In fondo basta poco per prendersi cura della nostra orchidea anche dopo la fioritura.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti