0, 0, 0, 1, 0, 0, 0 trend

Come Di Maio vuole cambiare la Costituzione

Lo scrive nei commenti del Corsera

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 23 gen. (askanews) – “Basta con i voltagabbana! Il MoVimento 5 Stelle l’ha sempre sostenuto e si è dato delle regole interne per sanzionare chi tradisce il mandato degli elettori.
Oggi anche il direttore del Corriere della Sera lo ha riconosciuto, ammettendo che ‘Il Parlamento sta diventando il regno del trasformismo’ e che nei cambi di casacca ‘pesano di più la voglia di prendere qualche poltrona e i vantaggi economici’.
Finalmente!”. Lo afferma Luigi Di Maio (M5S), vicepresidente della Camera, su Facebook, commentando la pagina odierna delle lettere al direttore del quotidiano milanese.

“Dall’inizio della legislatura – ricorda – 264 parlamentari hanno tradito gli elettori, passando a un gruppo parlamentare diverso da quello con cui sono stati eletti. Ci sono stati 388 passaggi, 9 cambi al mese. Un vero e proprio mercato (abusivo).Se uno vuole andare in un partito diverso da quello votato dai suoi elettori, si dimette e lascia il posto a un altro, come accade ad esempio in Portogallo. In Italia, invece, della volontà popolare se ne fregano: una volta che sono in Parlamento gli elettori non contano più, quello che conta è la poltrona e il megastipendio”.

“Noi – conclude Di Maio – vogliamo il vincolo di mandato perché abbiamo il massimo rispetto dei cittadini, ma ancora nella Costituzione non è previsto. I nostri eletti però hanno regole chiare: chi non vuole più stare nel MoVimento va a casa, se non lo fa tradisce gli elettori e arreca un danno che deve essere risarcito. È semplice. Sono lieto che anche fuori dal MoVimento qualcuno ora se ne renda conto. Voi che ne dite? Fa bene il MoVimento a far rispettare queste regole? Vorreste il vincolo di mandato in Costituzione?”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti