Fonte: 123rf

Come sarà il 2023? Possiamo scoprirlo usando una mela

Si tratta di una tradizione tipica della Repubblica Ceca. Ecco in che cosa consiste

Pubblicato:

Il 2023 è appena iniziato, e in questi giorni si sprecano le previsioni sull’anno che ci aspetta. Saranno 12 mesi tranquilli e in cui raccoglieremo soddisfazioni o, al contrario, dovremo faticare non poco per restare a galla? C’è chi interroga le stelle, chi consulta l’oroscopo, chi per ora è pieno di buoni propositi e vuole diventare la migliore versione di se stesso (dite la verità, quanti post da diabete avete letto a tal proposito sui social in queste prime ore del 2023?). C’è invece un Paese europeo dove per capirci qualcosa di più interrogano una mela.

Avete letto bene. Per entrare più nello specifico, siamo in Repubblica Ceca. Qui c’è una tradizione tipica dei primi giorni dell’anno nuovo che si rifà a una leggenda popolare e dà modo di capire in che verso gireranno i 12 mesi a venire. In questo Paese le persone dividono la mela in due parti uguali, e se il cuore forma una stella vuol dire che sarà un anno felice e prospero. Al contrario, se invece ha la forma di croce allora c’è da preoccuparsi perché vuol dire che non sarà così sereno. In Repubblica Ceca ricorrono non solo alle mele per avere un’idea di come sarà l’anno nuovo. La stessa cosa si può fare anche con le noci. Se ne rompono quattro e se sono tutte buone allora l’anno sarà fortunato.

Chiaramente non c’è nulla di scientifico in tutto ciò, però è difficile che le persone si sottraggano a tradizioni simili. La paura è sempre quella di attirarsi magagne indesiderate. Un po’ come chi la notte del 31 dicembre mangia le lenticchie perché si dice portino soldi, o chi indossa intimo rosso per attirare la buona sorte. Per mettersi al riparo da eventuali sfortune chiamate a gran voce, le persone seguono questi riti scaramantici nella speranza di guadagnare un po’ di buona sorte, come se bastasse così poco per essere baciati dalla fortuna.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti