Compilation di uccelli a rischio estinzione scala la classifica

Questo album contiene solo cinguettii di uccelli e in Australia è un successo da hit parade.

28 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Ci sono artisti che stapperebbero bottiglie di champagne entrando nella classifica degli album più venduti e poi ci sono loro. Cinquantatré uccelli in via di estinzione i cui cinguettii sono entrati direttamente nella Top 5 dei dischi del momento in Australia. Il progetto discografico si intitola ‘Songs Of Disappearance’ e come annuncia un tweet di ARIA (Associazione dei discografici australiani) ha debuttato alla posizione numero cinque della chart album nazionale.

Così annuncia il post social che trovate anche in fondo a questo articolo: “Con 53 delle specie più minacciate di uccelli nativi australiani, ‘Songs Of Disappearance’ di BirdLife Australia esordisce al numero 5 di ARIA Charts questa settimana”. Un risultato che ha lasciato a bocca aperta il mondo della discografia e non solo, dimostrando l’attenzione e in un certo senso la curiosità verso l’ambiente.

Chissà come l’avranno Mariah Carey e compagni, battuti nella rosa dei migliori album del momento da un coro di adorabili pennuti. Questi uccelli, in pochi giorni, hanno infatti superato i classici del Natale guadagnando un piazzamento inaspettato . Oltre alla Carey, per esempio, l’inedito progetto musicale si lascia alle spalle colossi da classifica quali Michael Bublé, Abba, Ed Sheeran con Elton John, Paul Kelly, Taylor Swift e Justin Bieber.

L’album, disponibile negli store online e sulle piattaforme streaming di tutto il mondo, comprende cinquantaquattro tracce audio della durata di circa trenta secondi ciascuna. A ‘cantarle’ sono solo uccelli in via di estinzione, identificati dal loro nome come titolo. Ecco, allora, la sassicola australiana gialla, il cacatua, il beccospino bruno e il fagiano australiano. E ancora: la civetta ululante, la manorina guancenere, svariate specie di pappagalli che popolano l’Australia fino al rarissimo reggente mangiatore di miele.

Un prezioso e curioso archivio di richiami che rischiano di non sentirsi più in natura. L’idea, nata dall’intuizione e dall’impegno del naturalista David Stewart, ha richiesto ore di appostamenti per raccogliere ogni cinguettio. “Un disco davvero speciale”, lo ha definito il CEO di BirdLife Australia e non potremmo essere più d’accordo.

https://twitter.com/ARIA_Official/status/1469186113671602180?s=20

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti