Comprò tre macchine in un giorno: "Non fate come me"

Un ex milanista parla degli eccessi vissuti da giovane: "Adesso sono maturato"

Fonte: Getty Images

Il momento più alto della carriera di Kevin-Prince Boateng è stato lo scudetto vinto da protagonista con il Milan: il balletto in stile Michael Jackson durante la festa per quel tricolore resta nella memoria dei tifosi rossoneri. Ma Boateng all’inizio della carriera stava per buttare via la sua grande occasione e sarebbe potuto essere come quei talenti bruciati per la poca voglia di sacrificarsi.

E’ stato lo stesso centrocampista, attualmente al Las Palmas, a raccontarsi in un’intervista a un giornale inglese, in cui ha ricordato ciò che gli è successo a 20 anni, quando giocava nel Tottenham e iniziava a guadagnare cifre importanti.

Ma conduceva una vita non proprio da atleta. "Ho sperperato un sacco di soldi tra locali notturni e vestiti. A causa della cattiva alimentazione e degli alcolici, ero arrivato a pesare 95 chili. Per togliermi uno sfizio, ho comprato persino tre macchine in un solo giorno e conservo ancora una fotografia che mi ritrae davanti a quelle auto e a una casa lussuosa. Ogni tanto la riguardo e penso di essere stato veramente uno stupido".

A non permettergli di rovinarsi la carriera ha pensato il tecnico Martin Jol: "Devo ringraziarlo, perché è riuscito a farmi rigare dritto. Dopo un mese ha detto chiaramente che non mi voleva più, e da quel momento ho cambiato stile di vita e mi sono salvato".

Boateng è diventato anche un simbolo per la lotta al razzismo, dopo un’amichevole del Milan a Busto Arsizio in cui decise di lasciare il campo, ed è stato invitato a tenere un discorso all’Onu:  "Abbandonare il campo fu una reazione naturale, ma non lo rifarei un’altra volta. Per sconfiggere il razzismo c’è ancora molto da fare".

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti