Condividi i tuoi piatti su Instagram? Cambierai modo di mangiare

Siete soliti scattare foto del cibo prima di mangiarlo e metterle su Instagram? Ecco come è cambiato e cambierà il nostro modo di mangiare

Quante volte al ristorante avete ordinato un piatto super cool e prima di prendere la forchetta, avete tirato fuori lo smartphone per immortalarlo e postarlo su Instagram aggiungendo rigorosamente hashtag ad hoc come #foodporn? Non dovete vergognarvi se, vista dall’esterno, questa scena solo qualche anno fa sarebbe risultata quanto meno bizzarra: i tempi si sono evoluti e oggi si mangia prima con gli occhi e poi con la bocca.

Stesso discorso per le spiagge (questa è la più instagrammabile), i musei o gli hotel… Non si può negare, infatti, che Instagram abbia profondamente modificato il modo in cui ci approcciamo al cibo, alla cultura, alla società. Particolarmente ricco di spunti il campo del food blogging, in fortissima crescita: per molti di noi, d’altronde, l’estetica ha superato i valori della nutrizione e del gusto mentre ci sforziamo di mostrare al mondo quanto sia perfetto ogni singolo elemento della nostra vita.

La nostra ricerca perenne dell’approvazione virtuale influenza i pasti che ordiniamo, i ristoranti in cui scegliamo di andare, ciò che cuciniamo per cena a casa, forse anche il modo stesso in cui pensiamo a nutrirci.

Andiamo certamente ghiotti per le food pictures, ma i risvolti negativi per chi ha problemi legati ai disturbi alimentari sono dietro l’angolo: molti di noi hanno difficoltà ad attenersi alle calorie segnate dalla dietologa (questo account Instagram vi segnala lo zucchero presente nel cibo), altri possono essere mentalmente fragili da cadere in tranelli visivi che nulla hanno a che fare con tutto ciò che il cibo ha di vero, genuino e positivo da offrire.

Se anche voi fate fatica a trattenervi quando si parla di fotografare i piatti al ristorante, vi consigliamo di guardare le incredibili creazioni di questa designer, che crea torte dal potere ipnotizzante, o di questo fantasioso pasticcere che ambienta i suoi dolci nel mondo di Lilliput.

Decisamente controcorrente va Ben Churchill, un food illusionist che sta riscrivendo le regole della cucina proponendo sui social piatti che suscitano ribrezzo solo a guardarli, ma davvero irresistibili al palato!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti