'Corona', arriva il primo film sul Coronavirus

Ambientato in un ascensore, il film racconta la storia di 7 personaggi rimasti bloccati con una donna potenzialmente positiva.

3 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

L’emergenza sanitaria in corso – causata dalla pandemia da Coronavirus (o, per esattezza da Covid-19) – è stata a lungo paragonata a numerosi film con protagonisti intenti a combattere pandemie mondiali (Contagion su tutti). Eppure, in molti hanno anche iniziato a chiedersi quanti film – quando tutto questo finirà – verranno girati per immortalare questo momento storico così tragico e così indimenticabile. Ebbene, il primo film sul Coronavirus è arrivato e si chiama Corona.

Dietro la pellicola c’è il regista iraniano Mostafa Keshvari, al momento residente in Canada. L’idea risale però ben prima alla dichiarazione della pandemia globale, tant’è che è stato girato a febbraio con una troupe di sole 25 persone. “Pensavamo sarebbe passata in fretta. – ha dichiarato Keshvari al New York Times – Nessuno avrebbe potuto immaginare tutto questo”. Il film è interamente stato girato in un ascensore: una ragazza cinese (interpretata da Traei Tsai) potenzialmente positiva al virus rimane intrappolata infatti nell’ascensore con altre sette persone. Un thriller psicologico che indaga sulla paura delle persone e, soprattutto, sul tema del pregiudizio.

“La pellicola parla di paura – commenta infatti il regista – è uno studio sulla società, le persone e le scelte morali”. “Il Covid-19 è stato denominato all’inizio ‘virus cinese’. – aggiunge Keshvari a Hollywood Reporter – Ma ora colpisce tutti, non esiste un problema razziale. Ora la razza umana deve unirsi per sconfiggerlo. Il virus non discrimina, perché dovremmo farlo noi?”. Nell’ascensore, insieme alla ragazza cinese, restano bloccati un addetto alle riparazioni (Emy Aneke), un millennial (Zarina Sterling), un suprematista bianco in sedia a rotelle (Richard Lett), il proprietario del palazzo (Josh Blacker), una donna incinta (Andrea Stefancikova) e un inquilino (Andy Canete). La pellicola ora verrà distribuita in streaming.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti