Cosa accade nel cervello delle nonne quando vedono i nipoti

Quando vedono i loro nipoti, le nonne provano una maggiore empatia rispetto a quando vedono i loro stessi figli. Andiamo a scoprire il perché

30 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Il rapporto tra nonna e nipote è qualcosa di straordinariamente unico: un legame prezioso ed estremamente positivo per la crescita dei più piccoli, che imparano tantissimo da questi compagni di gioco, capaci di influire in maniera decisamente positiva sul loro sviluppo emotivo

Secondo uno studio della Emory University di Atlanta, negli Stati Uniti, le nonne provano una maggiore empatia nel vedere i loro nipoti che i loro stessi figli.

Le basi scientifiche di questa affermazione derivano da uno studio intitolato The neural correlates of grandmaternal caregiving e pubblicato su Proceedings of the Royal Society B, nel quale i ricercatori hanno scansionato il cervello di 50 nonne con almeno un nipote biologico di età compresa tra i 3 e i 12 anni. La ricerca è avvenuta confrontando le funzioni cerebrali di queste donne in momenti diversi, ovvero mentre guardavano foto del loro nipote, di un bambino sconosciuto, del proprio figlio genitore del nipote o di un adulto sconosciuto.

Lo studio ha determinato che, mentre guardano le foto dei loro nipoti (e di conseguenza quando si trovano di fronte a loro), il cervello delle nonne attiva in maniera più forte le regioni che si occupano dell’empatia emozionale e della motivazione. Invece, quando guardano le foto dei propri figli, le nonne-madrid attivano in maniera maggiore le aree del cervello relative all’empatia cognitiva.

In poche parole, le nonne sono emotivamente più legate ai loro nipoti che ai loro stessi figli adulti. A questi ultimi, invece, le lega maggiormente l’empatia cognitiva, ovvero la capacità di comprenderli. Una possibile spiegazione potrebbe riguardare il fatto che i bambini piccoli riescono a causare delle reazioni che mirano di più ad ottenere una sorta di protezione e supporto emotivo, mentre invece i figli sviluppano nelle stesse donne un meccanismo di comprensione dovuto alla maggiore vicinanza che si crea tra gli individui in età adulta.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti