Cosa causa il mal di testa da vino? Lo spiega uno studio

Tra gli esperti in materia il dibattito è più che mai aperto

26 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: @123rf

Se ti piace bere vino potresti aver sperimentato un mal di testa più o meno forte dopo una serata alcolica. E non stiamo parlando di quantità importanti: a molti basta anche un solo bicchiere per avere il cerchio alla testa. Ma come mai?

La causa potrebbe avere a che fare con gli ingredienti, come gli additivi. I solfiti hanno una brutta reputazione, ma è interessante notare che sono un composto naturale che si trova in una varietà di alimenti, tra cui uova e tè, secondo Food & Wine. I solfiti, come riporta Mashed.com, sono usati per aiutare a mantenere il cibo fresco e sono stati usati nella produzione del vino per secoli per ridurre il deterioramento e per mantenere il colore del vino.

Già, i solfiti aiutano a far risaltare il rosso e assicurano che i vini bianchi non diventino marroni e in genere non provocano mal di testa ma piuttosto orticaria, secondo Healthline.

Non solo, ma la maggior parte delle persone non ha una reazione allergica ai solfiti. Molti esperti del settore vinicolo sanno che i solfiti non causano mal di testa, ma ci sono domande sull’anidride solforosa (SO2), secondo SevenFifty. Tuttavia, un recente documento di ricerca di Sophie Parker-Thomson dell’Institute of Masters of Wine ha dimostrato che potrebbe esserci qualcos’altro che potrebbe provocare quei mal di testa indesiderati.

Le ammine biogene (BA), un composto naturale, sono probabilmente la ragione per cui si verificano mal di testa dopo aver bevuto vino. Un tipo di ammine biogene, le istamine, si trova negli alimenti e nelle bevande fermentati. Molte persone presumono che il vino naturale sia più pulito e sicuro perché si ritiene che questi vini abbiano poco o nessun anidride solforosa incorporata.

Chris Brockway di Broc Cellars a Berkeley, in California, ha dichiarato a SevenFifty: “Non ho mai considerato lo zolfo basso o nullo in termini di benefici per la salute. Per me è sempre stato più importante avere vini vivi”. E per lui, se un vino è “sano” dipende dall’uva. “I benefici per la salute hanno più a che fare con il modo in cui vengono coltivate le uve, che sia biologico o biodinamico“.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti