Cosa ci faceva un pinguino a 3mila km da casa sua?

Incontro insolito per un abitante della Nuova Zelanda che si è ritrovato davanti un pinguino proveniente dall’Antartide.

16 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Dall’Antartide alla Nuova Zelanda: è questo il percorso che un pinguino ha affrontato macinando oltre 3mila chilometri in solitaria. L’insolita impresa è avvenuta solo qualche giorno fa e ha visto Pingu – questo il nome con cui è stato ribattezzato l’esemplare – approdare su una spiaggia neozelandese a sud di Christchurch, lungo la costa orientale del Paese. Possiamo ben immaginare lo stupore di Harry Singh che, in maniera del tutto inaspettata, si è visto comparire l’animale a pochi passi da sé.

Non è chiaro il motivo per cui l’infaticabile pinguino abbia sostenuto un itinerario così impegnativo lontano dal suo habitat naturale. Secondo gli studiosi, il comportamento di Pingu potrebbe essere un segnale del cambiamento climatico e, quindi, la traversata fornisce un ulteriore indicatore su quanto si stiano modificando gli ecosistemi più delicati.

Intercettato da Singh, l’uomo ha riferito di averlo scambiato per un peluche: non capita, certo, tutti i giorni di imbattersi in un pinguini neppure a quelle latitudini. Nel momento in cui, poi, l’animale ha mosso il capo l’incredulità ha preso il sopravvento lasciando quindi spazio alla curiosità. Per lungo tempo, infatti, Pingu non si è mosso rimanendo immobile probabilmente per la stanchezza.

Una volta accortosi delle sue difficoltà, il neozelandese ha provveduto a contattare un centro specializzato perché intervenisse in soccorso. Gli operatori che sono accorsi hanno riconosciuto in Pingu un esemplare di Pygoscelis adeliae, in condizioni di disidratazione e sottopeso. Nel complesso, però, la situazione non era particolarmente grave e, dopo gli accertamenti, il pinguino è stato rilasciato in natura.

Liberato a qualche chilometro di distanza, nella penisola di Banks, si spera che l’intrepido pinguino faccia rotta verso casa. Lo aspetta un ancora un lungo viaggio.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti