Cosa fa realmente un sous chef?

Tutto quello che c'è da sapere su questa importante figura che sta in cucina

4 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

A volte, guardando un programma di cucina o sfogliando un libro di cucina, sembra che ci siano così tanti termini culinari da imparare, e molti di loro non sono nemmeno in inglese, ma in francese. C’è la “mise en place”, che fondamentalmente significa tagliare e preparare gli ingredienti per metterli in una pentola o mescolati in una ciotola. C’è “sous vide”, un metodo per cucinare ingredienti sigillati sottovuoto in un bagno d’acqua a temperatura controllata, dice Bon Appétit. E poi, ovviamente, c’è “sous chef“, che probabilmente hai sentito dire molte volte. Ma cosa significa in realtà sous chef? E comunque cosa fa un sous chef?

Letteralmente, significa “sotto lo chef”, secondo Merriam-Webster. In pratica, come indica il termine, un sous chef è il secondo in comando della cucina, ovvero il vice. Ciò significa che questi lavoratori hanno un vasto know-how culinario e ampie responsabilità nei loro ruoli.

Come riporta Mashed.com, sebbene il termine sous chef indichi una posizione al di sotto dello chef, la realtà è che i sous chef si occupano della maggior parte del lavoro all’interno di una cucina professionale. I sous chef mantengono l’intera cucina del ristorante in attività e sono in genere responsabili dell’ordinazione degli ingredienti, della pulizia e dell’organizzazione delle postazioni di lavoro, della conservazione degli alimenti e della formazione dei cuochi sulle voci di menu e sulle nuove tecniche.

I sous chef spesso iniziano la loro carriera dal basso facendo lavori di preparazione e linea, per poi acquisire più esperienza e, infine, il loro sudato titolo. Molti chef dicono che senza i loro sous chef si perderebbero. Anthony Bourdain, il venerato chef e conduttore televisivo scomparso nel 2018, ha scritto nel suo libro di memorie di cucina bestseller “Kitchen Confidential”: “Avere un sous-chef con eccellenti capacità culinarie e una mente criminale è uno dei grandi doni di Dio“.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti