Cosa fare per mantenere la freschezza dei cibi

Anche se ormai è una pratica diffusissima, si devono rispettare alcuni accorgimenti per mantenere la freschezza degli alimenti

Fonte: Pixabay

Anche se il reparto surgelati di ogni supermercato abbonda di prodotti disponibili e i moderni frigoriferi promettono di mantenere intatte le proprietà dei cibi che surgeliamo, continuano ad esserci pareri discordanti. Due studi condotti dai ricercatori dell’Università della California hanno analizzato e confrontato frutta fresca e surgelata, ecco i risultati.

Proprietà organolettiche

In alcuni casi i risultati erano quasi identici, con lievissime e non significative differenze tra frutta fresca e surgelata: infatti, se le vitamine tendono a deteriorarsi al variare della temperatura, altri componenti nutritivi come il ferro o le fibre restano intatte anche dopo il processo di surgelamento.

È tuttavia da tenere in considerazione che questi risultati si riferiscono a ricerche svolte in laboratorio: nella vita reale possono trascorrere molti più giorni tra il momento della raccolta del prodotto e quello del consumo, giorni in cui le proprietà organolettiche tendono a deteriorarsi. In questo caso, può accadere che un prodotto surgelato contenga vitamine o altre sostanze in quantità maggiore del prodotto fresco.

Una buona abitudine, quindi, sarebbe quella di acquistare prodotti a chilometro 0 che giungano sulle nostre tavole in tempi brevi e che garantiscano la conservazione di tutte le proprietà importanti. Inoltre, è bene ricordare che anche i prodotti surgelati hanno una scadenza, soprattutto perché i freezer casalinghi non raggiungono quasi mai le temperature di quelli industriali.

Alcune regole per la conservazione e il consumo

È poi importantissimo rispettare alcune regole soprattutto al momento di scongelare il prodotto surgelato: il processo dovrebbe essere graduale, a meno che non venga indicato altrimenti sulla confezione del prodotto (ad esempio in quei casi in cui può essere scongelato e cuocere direttamente in pentola). Dapprima si dovrebbe lasciare il prodotto nella zona più fresca del frigorifero, per limitare i danni prodotti dai cristalli di ghiaccio che farebbe perdere sostanze nutritive.

Ci sono poi alcuni prodotti che non andrebbero mai congelati, per vari motivi. Innanzitutto frutta e verdura ricchi di acqua, quali frutti di bosco e insalata, poi alimenti come yogurt e maionese perché perderebbero la loro tipica emulsione. Anche gli alimenti ricchi di grassi vanno trattati con attenzione: il grasso, a causa della sua struttura molecolare, non cristallizza e continua ad ossidare. Cibi di questo tipo, come carne e pesce, vanno sempre accuratamente sgrassati prima di congelarli e vanno comunque consumati in tempi brevi.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti