Cosa succede al tuo cervello se dormi meno di sei ore

Gli effetti sono decisamente negativi, e includono anche il modo in cui il nostro corpo risponde ai vaccini

26 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Gli oltre 18 mesi di restrizioni dovute alla pandemia hanno avuto un impatto anche sulla qualità del sonno. Lo stress generato da questa situazione ha portato alcuni a sperimentare difficoltà del sonno soprannominate “coronasomnia”, aggiungendosi al terzo di soggetti che già soffre di problemi di sonno. Secondo la dottoressa Rebecca Robbins, un’esperta in materia, basta solo un’ora di cambiamento per buttarti fuori strada. “Un’ora può effettivamente essere sufficiente per far perdere la sincronia al nostro orologio interno“, fa sapere la Robbins.

“Ho avuto periodi regolari – e lunghi – di insonnia, e questo significa che non riesco spesso a superare le quattro o cinque ore a notte”, scrive Jessica Salter del Telegraph. “Studi che mettono in guardia sui pericoli per la mia salute cerebrale a lungo termine, aumento del rischio di Alzheimer, problemi cardiaci e aspettativa di vita non fanno nulla per rilassarmi in un sonno ristoratore”.

Una nuova affascinante ricerca pubblicata sulla rivista Science mostra come il sonno aiuti a proteggere il cervello. “Abbiamo scoperto che nel corso della giornata il cervello produce tossine, il cui accumulo è associato al declino neurocognitivo“, afferma la dottoressa Robbins. “Quando dormiamo, non solo il cervello smette di produrre queste tossine, ma produce anche un fluido cerebrale che, in sostanza, lava il cervello a pressione per rimuovere le tossine che si sono accumulate“.

“Il modo in cui il sonno influisce sulla nostra immunità è così rilevante in questo momento” spiega la dottoressa Robbins. “C’è uno studio molto interessante che ha esaminato il rinovirus. I ricercatori hanno scoperto che coloro che sono privati ​​del sonno hanno un rischio più che doppio di raffreddore e influenza“.

La privazione del sonno può anche influenzare il modo in cui rispondiamo ai vaccini. “In quelle persone che sono vaccinate, vediamo un aumento dello sviluppo di anticorpi per combattere l’agente patogeno virale – che è accelerato quando si abbinano gli appuntamenti per il vaccino con una sana durata del sonno”.

La regola numero uno della dottoressa Robbins? Impostare un’ora adeguata per andare a dormire: “Proprio come i bambini hanno bisogno di una routine per andare a dormire, anche noi abbiamo questa necessità”, afferma la dottoressa.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti