Cosa succede a un piatto di pasta in Antartide

Ecco cosa succede a un piatto di pasta in Antartide se si lascia troppo tempo sul tavolo: non si risparmia nemmeno la forchetta!

La pasta fredda non piace a nessuno, ma se stai vivendo in Antartide potresti avere una brutta sorpresa se aspetti troppo a mettere la forchetta in bocca.

Tutti sanno che l’Antartide è il posto più freddo del mondo. Le temperature non rendono quel posto abitabile e non è possibile per l’uomo passarci troppo tempo (a meno poi di riportare danni fisici). Questo ovviamente non ha mai impedito alla scienza di studiare quel luogo e inviare delle missioni di persone per carpirne i segreti. Una delle basi più famose in Antartide è quella della Concordia: lì intorno, il clima sembra appartenere a un altro pianeta. Adesso si è tornato a parlare della missione perché i ricercatori hanno pubblicato sui social una foto che è diventata virale: quella di un piatto di pasta, completamente congelato e con la forchetta a mezz’aria. Insomma, l’avvertimento è chiaro: se dovete cenare e vi trovare in Antartide, non aspettate troppo, altrimenti i vostri spaghetti si congeleranno come l’iceberg che ha affondato il Titanic!

Ma cosa sta facendo la Concordia in Antartide? L’ESA sta sponsorizzando una ricerca – che si tiene ogni inverno – al fine di studiare gli effetti a lungo termine dell’ambiente ostile sul corpo e la mente umana. Lo scopo è capire come le persone si adattano a queste condizioni e affrontare meglio i lunghi voli a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. L’ESA osserva soprattutto gli effetti del clima sul sonno: la mancanza di regolari cicli diurni e notturni sono gli stessi che si verificano nello spazio, e si vuole quindi capire come far sì che il sonno diventi regolare anche in assenza di luce diurna.

Senza la luce del sole, il pranzo e la cena assumono un’importanza fondamentale per scandire i ritmi delle giornate e capire quando stare svegli e quando dormire. Per valutare lo stato fisico e psicologico dei ricercatori che stanno in Antartide, l’ESA usa varie strumentazioni atte a monitorare gli schemi del sonno, controlla il sangue per tracciare le reazioni corporee e sottopone agli scienziati diversi questionari.

L’Antartide è un posto particolarmente adatto per preparare il corpo alle missioni spaziali. Lì, infatti, l’aria contiene poco ossigeno e l’equipaggio vive quindi in uno stato costante di ipossia. Ma perché soffrire così tanto? Semplice: sono queste le persone che dovranno andare su Marte.

Cosa succede a un piatto di pasta in Antartide

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti