Cos'è il Progetto Genesi, che prevede di esportare la vita umana su altri pianeti

Astrophysics and Space Science ha presentato Progetto Genesi che potrebbe portare forme di vita come quelle terrestri direttamente su altri pianeti

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Il Progetto Genesi potrebbe riscrivere la storia dell’Umanità. E’ un progetto di lunga durata, non attuabile nell’immediato ma che potrà svilupparsi con le tecnologie del futuro. L’idea viene direttamente dalla Germania, precisamente da Francoforte e dalla mente del fisico teorico Claudius Gros. Il tutto è stato presentato alla rivista specialistica Astrophysics and Space Science e ha raccolto subito grande interesse presso tutto il mondo, non solo accademico.

In sintesi, il progetto di Gros permetterebbe di trapiantare su altri pianeti, forme di vita direttamente dal pianeta Terra. L’uomo diventerebbe una specie di creatore, capace di poter dare vita a posti che prima non la possedevano. Ovviamente i tempi non sono veloci: si parla che per prendere piede il Progetto Genesi serviranno dai 50 ai 100 anni. La strada è ancora lunga e serviranno tempi e mezzi.

In cosa consiste il progetto

Il Progetto inoltre è ai limiti della fantascienza soprattutto per il modo in cui esso verrebbe compiuto. Gros si servirebbe di sonde speciali capaci di trasportare al loro interno carichi di batteri capaci di riprodursi e addirittura micro laboratori di biologia e genetica in grado di creare organismi non presenti sul pianeta Terra. Ancora è molto vago da presentare, anche se le basi ci sono, ora bisogna solo attendere i relativi finanziamenti per iniziare.

Un progetto simile sono le vele solari per Starshot, ideate per raggiungere il pianeta vicino alla stella Proxima Centauri. Anche questo progetto ha dell’incredibile se non impossibile, anche se si trova leggermente più avanti del precedente, grazie ai finanziamenti del miliardario e fisico Yuri Milner, re della Silicon Valley e capace di smuovere con le sue idee l’intera industria dell’informatica.

Chi sostiene il Progetto Genesi?

Fortunatamente il fisico russo/americano può avvalersi della consulenza del genio Stephen Hawking. Egli è diventato famoso per i suoi grandiosi studi sull’origine dell’universo e sui buchi neri, oltre per la malattia che lo affligge dagli anni ’80. Egli è diventato un simbolo indiscusso della scienza, ricevendo da Obama una delle più alte onorificenze degli Stati Uniti:La medaglia presidenziale della Libertà.

Il Progetto Genesi tra centinaia di anni potrà avere lo stesso eco della conquista dello spazio o dell’atterraggio sulla luna. Porterebbe la Terra a non essere l’unico pianeta abitato o con forme di vita. Solo il futuro potrà sapere cosa potrà succedere e se l’esperimento avrà successo. Intanto bisogna raccogliere i fondi necessari e iniziare, nel giro di poco tempo, a selezionare i batteri da trasportare con le sonde speciali.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti