Da dove nasce la curiosità? La risposta in uno studio

Uno studio spiega che cosa scatenerebbe la curiosità: sarebbe questione dei neuroni responsabili anche della fame e del sonno.

18 Maggio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

L’Università statunitense Vanderbilt (a Nashville, nel Tennessee) ha condotto uno studio sull’origine della curiosità. A scatenarla sarebbe, secondo quanto emerso, la parte del cervello nota come ‘zona incerta’. Si tratta di quella porzione che, quando fu scoperta, risultava molto oscura nel funzionamento in quanto si conosceva ancora poco sui suoi neuroni.

Proprio quella parte di cervello sarebbe, dunque, responsabile della curiosità innata così come di altri meccanismi quali fame, sonno e paura. Come pubblicato sulla rivista di settore Science, le rilevanze emerse dall’osservazione dei comportamenti dei topi conducono gli atteggiamenti curiosi alla sostanza grigia della ‘zona incerta’ che sarebbe collegata a un nucleo nervoso del talamo.

Gli animali oggetto dello studio sono stati fatti interagire sia con oggetti nuovi sia con oggetti familiari. In entrambe le situazioni, è stata analizzata l’attività cerebrale associata. È, così, emerso che a scatenare la curiosità sarebbe la zona incerta attraverso il neurotrasmettitore Gaba. Una scoperta che smentisce quanto ritenuto valido finora, ovvero che la curiosità sarebbe stata legata ai centri nervosi attivati dall’aspettativa di una ricompensa.

Tra gli studiosi che hanno condotto la ricerca c’è anche la neuroscenziata Cody Siciliano che ha origini italianissime. La scoperta, per molti aspetti rivoluzionaria, lascia tuttavia ancora molte ombre sui dettagli del meccanismo nervoso, come affermano gli stessi studiosi secondo quanto riporta ANSA.

Se da un lato, infatti, “la spinta motivazionale a indagare l’ignoto sia considerata connaturata agli esseri umani […] il meccanismo neurobiologico alla base della nostra curiosità e attrazione verso l’ignoto è ancora in gran parte sfuggente”. La mente è ancora un mondo tutto da indagare.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti