Da dove prendono il nome i 12 mesi dell'anno?

Impariamo a pronunciare i nomi dei mesi dell'anno in automatico sin da bambini a scuola alle elementari. Ma vi siete mai chiesti quel è l'origine di queste parole?

La storia dell’origine del nome dei mesi dell’anno nasconde tantissime curiosità. Come molto spesso gli insegnanti spiegano a scuola essi risalgono all’epoca romana. Nello specifico in origine fu proprio Romolo, il fondatore di Roma, nel 753 a.C. a dar il via al calendario lunare che era diviso in sole dieci mensilità e partiva dal mese di marzo. Fu il primo e venne intitolato in onore di Marte il re della guerra. Quasi tutti i nomi dei mesi dell’anno nati in questo periodo erano associati alle divinità più venerate dal popolo. A seguire il mese di aprile, dedicato alla dea Afrodite, simbolo di bellezza, di amore e di fertilità. Il mese di maggio invece nacque per essere attribuito a una figura della mitologia romana, Maia, una dea antica legata alla fertilità terrena e al risveglio della natura che avviene proprio in primavera.

Per giugno poi si passò all’importante valore della famiglia, con la dea Giunone, sorella e sposa di Giove, protettrice del matrimonio e della fertilità, infatti nelle opere d’arte veniva spesso raffigurata con il seno scoperto intenta ad allattare un fanciullo. Da questo momento la storia dei nomi dei mesi dell’anno prosegue ma si interrompe in parte la sua connessione con la venerazione delle divinità. Subentrò infatti il secondo Re di Roma, Numa Pompilio che completò l’opera di Romolo aggiungendo due mensilità, gennaio e febbraio. Il suo intento era quello di dare una cadenza regolare all’avvicendarsi delle quattro stagioni. Gennaio posto all’inizio deriva da Jenua che erano le porte, quindi metaforicamente simbolo di apertura e chiusura di un periodo stabilito.

Febbraio invece venne dedicato alla purificazione e quindi può essere associato alla dea Febronia protettrice delle malattie e degli stati febbrili. Con Giulio Cesare il calendario si completa. In suo onore dopo la sua morte si inserì il mese di quintilis in cui era nato che venne chiamato Julius ovvero Luglio. Discorso simile per agosto, aggiunto in onore dell’imperatore Augustus, Cesare Ottaviano. Per i mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre si tratta di un inserimento dovuto allo scorrere del tempo con riferimenti prettamente numerici, sette, otto, nove e dieci.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti