Da Zurigo a Cuneo: la storia d’amore ‘vola’ con un palloncino

Sembra uscita da una fiaba l’ultima storia che intenerisce il web: un palloncino ha superato le Alpi portando con sé una lettera d’amore.

24 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Sembra una favola ma è quello che è successo davvero nelle campagne del cuneese, dove un agricoltore ha fatto un insolito ritrovamento. L’uomo, impegnato a lavorare nei campi, si è imbattuto in uno strano oggetto, apparentemente abbandonato. Avvicinatosi, si è ritrovato fra le mani un palloncino rosso, ormai sgonfi, a cui erano legati due cuori e un biglietto d’amore.

Una vera e propria promessa romantica con tanto di indirizzo da cui è stato possibile risalire ai mittenti e ricostruire la storia di un volo speciale. Il palloncino, infatti, è partito dalla Svizzera – in particolare dalla cittadina di Kloten, nei pressi di Zurigo – e ha sorvolato le Alpi per circa 500 chilometri prima di adagiarsi a terra. Sgonfiandosi lentamente il palloncino ha portato con sé anche la sua lettera fino a Dronero, frazione di Ricogno, nel cuneese appunto.

Sul biglietto, oltre all’indirizzo, si legge la parola Sposi accompagnata dall’invito a rispondere alla cartolina stessa. Il contadino, Silvio Ribero, non ha nascosto il proprio stupore dopo aver rinvenuto l’oggetto scambiandolo inizialmente per un rifiuto. “Risponderemo alla cartolina. – ha dichiarato la famiglia piemontese a Repubblica.it  Abbiamo tradotto quanto scritto e, con i nostri cinque figli, in inglese scriveremo alla coppia. Racconteremo di noi, di chi siamo, della nostra terra dove è arrivato il loro messaggio d’amore.

Sui romantici fidanzati, per ora, non si sa nulla: il biglietto non ne rivela i nomi ma soltanto le iniziali e l’indirizzo a cui far pervenire la risposta. Sullo stesso cartoncino, poi, si invita anche a dare notizia del ritrovamento dello stesso, che da sabato 21 novembre è nelle mani dei Ribero. E pensare che l’agricoltore era semplicemente impegnato nella raccolta del formaggio per le sue mucche. Una vicenda che ha il sapore della fiaba o quantomeno di una storia d’altri tempi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti