Dai Mondiali di calcio ai parchetti di Bologna: la triste parabola di Ouro

La storia del portiere della storica Nazionale del Togo

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Dalla gloria iridata ai campetti di Bologna. E’ triste la parabola di Ouro Nimini Tchagnirou, portiere della storica nazionale del Togo capace nel 2006 di qualificarsi per i Mondiali di calcio, compiendo un’impresa un’unica nella sua storia. Dopo la rassegna iridata in Germania, Ouro aveva cercato gloria in Europa, partecipando ad alcuni provini con Lazio e Bologna.

In seguito a due rinnovi del permesso di soggiorno grazie a un contratto di lavoro come badante e a un contratto per due stagioni con il Sasso Marconi, la pratica per il permesso di soggiorno di Ouro è bloccata dal 2012, racconta il Corriere della Sera.

Ai microfoni del giornale milanese, Ouro ha raccontato la sua storia: “Le società sportive  mi chiedono il permesso di soggiorno. Ma la mia pratica è bloccata da quattro anni…”.

“Durante i Mondiali in Germania, un procuratore mi ha notato e mi ha proposto di fare alcuni provini in squadre europee. Eravamo arrivati in Germania per la prima volta, ci siamo ritrovati a giocare contro la squadra di Vieira e di Zidane e sapevamo che era la nostra occasione. Ho giocato in Albania, poi mi hanno chiamato per i provini alla Lazio. Ho fatto le valigie e sono partito. In Togo da calciatore guadagnavo 400 euro al mese, il campionato italiano era il mio sogno. Sono arrivato a Bologna”.

Ma la permanenza in Italia diventa un incubo: “L’uomo che mi aveva assunto, a cui sarò riconoscente per tutta la vita, è stato interdetto e il mio contratto affidato a un tutore legale. Sono andato in Questura per rinnovare il permesso di soggiorno e ho scoperto che non avevo i requisiti, il tutore non ha versato i contributi”.

La pratica è quindi ferma dal 2012. Ouro ora si allena da solo, nei parchetti di Bologna, in attesa di novità: “Ho perso tutto. Non posso giocare con la mia nazionale perché se vado via dovrei tornare da clandestino. Mi chiedono di allenare i bambini di alcune squadre di calcio, ma cerco di non espormi troppo. Non voglio avere problemi con la legge. Così mi alleno da solo”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti