Dal 2018 ammessi alla maturità con la media del 6 (condotta inclusa)

Cosa cambierà

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 17 gen. (askanews) – Basterà avere una media del 6 per poter sostenere l’esame di maturità, e nel conteggio sarà incluso il voto in condotta. Lo prevede, a partire dal 2018, lo schema di decreto legge in materia, all’esame della Camera.

Attualmente, invece, per l’ammissione occorre conseguire almeno un 6 in ciascuna disciplina. Inoltre, sempre dal 2018, gli studenti per essere ammessi dovranno aver partecipato (indifferente l’esito) alle prove Invalsi che saranno introdotte nell’ultimo anno delle scuole superiori. Sarà sempre, come adesso, necessaria la frequenza di almeno tre quarti del monte ore complessivo.

Il nuovo esame, poi, consisterà in due prove scritte e un colloquio orale, e i commissari potranno assegnare un massimo di 20 punti per ogni prova, sia scritta (invece dei 15 attuali) e sia orale (anziché i 30 di adesso).

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti