Il 6 marzo esce “Horror”, nuovo libro di Dario Argento

Il 6 marzo esce “Horror”, il nuovo libro di Dario Argento. Una serie di racconti del terrore che promettono di farvi tremare di paura.

Non ha bisogno di presentazioni Dario Argento. Come non ha bisogno di titoli roboanti il suo prossimo libro, che si chiama semplicemente “Horror”. Dopo “Paura”, ecco il nuovo testo del maestro del terrore, in tutte le librerie a partire dal 6 marzo.

Chi ha paura di Dario Argento? Forse il regista non incute troppo timore, ma di certo diverso è il discorso per i suoi film e – dal prossimo 6 marzo – i suoi libri. Dopo “Paura”, autobiografia di Argento che racconta per filo e per segno la sua vita, il 6 marzo arriva nelle librerie “Horror”. Una serie di racconti fantastici – a tinte nere ovviamente – che esplorano gli angoli più reconditi delle paure umane. Allora la domanda potrebbe diventare: chi ha paura delle favole?

In “Horror”, Dario Argento usa la penna per tirare fuori dalla sua testa mostri, streghe, demoni, chimere che si vanno a mischiare con la realtà, con la vita vera di donne, uomini, bambini, vissuti in questa epoca o in un’altra. Una collezione di fiabe maledette ambientate in posti reali, che per Dario Argento hanno sempre significato qualcosa. Gli Uffizi a Firenze, la Villa dei Mostri di Palagonia, un’isola in mezzo al mare… luoghi veri che ospitano storie inventate, che prendono vita sulla carta grazie alla penna di Dario Argento. In “Horror” trovano posto le paure che un tempo animavano la nostra mente da bambini: e chissà che non torneremo ad avere paura del mostro nell’armadio…

Nonostante sia un regista, Dario Argento ha molta familiarità con la scrittura dato che all’inizio della sua carriera è stato giornalista cinematografico di “Paese Sera”. Dopo, ha iniziato a scrivere sceneggiature: il resto è storia e la conosciamo. Dario Argento non solo è diventato un maestro – anzi, “il maestro” – nel suo genere in Italia, ma ha superato i confini del nostro paese, diventando super conosciuto anche all’estero. Soprattutto in Francia e negli Stati Uniti, dove è molto apprezzato. La cosa che rende i suoi film così unici, è il fatto che Dario Argento trasmette e rivive in essi le sue paure: nessuna finzione, nessuna costruzione mentale forzata. Puro fluido che esce della sua mente. E che terrorizza tutti noi.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti